Invisibile - La mostra dedicata alle donne a Pietrasanta

Dal 22 al 31 maggio 2020 - Chiesa di Sant'Agostino - Ingresso libero

Orario:

venerdì, sabato e domenica dalle 18.00 alle 20.00 e dal 1 giugno tutti i giorni dalle 17.00 alle 23.00


La Chiesa di S. Agostino ospita la mostra fotografica “Invisibile”.

Un’efficace galleria di vite raccontare dagli scatti di trentadue donne provenienti da tutta Italia e da esperienze diverse, proposta dall'associazione Donne Fotografe Italiane.

La mostra, curata da Maura Pozzati, è reduce dal successo del Festival della Filosofia di Modena e dall'esposizione all'Archiginnasio di Bologna ed è promossa dal Comune di Pietrasanta.

Il tema che l’esposizione porta a galla è quello dell'invisibilità della persona spogliata dai suoi diritti umani e civili come il maltrattamento delle donne, la disabilità, l'Alzheimer e madri di figli scomparsi. Lo scopo è raccontare la vita intera di una persona attraverso la fotografia di Alessandra Attianese, Anna Rosati, Annalisa Cimmino, Antonella Di Girolamo, Antonella Monzoni, Antoniella Corvetti, Beatrice Mancini, Bruna Orlandi, Colomba d’Apolito, Daniela Facchinato, Fulvia Pedroni Farassino, Giuliana Mariniello, Isabella Balena, Isabella Colonnello, Isabella De Maddalena, Liliana Barchiesi, Loredana Celano, Lucia Baldini, Margherita Dametti, Margherita Verdi, Margherita Mirabella, Marianna Cappelli, Marzia Malli, Melania Messina, Paola Mattioli, Patrizia Bonanzinga, Patrizia Pulga, Patrizia Ribiera, Silvia Lelli, Sonia Lenzi, Tiziana Arici, Vittoria Amati.


 L’Associazione Donne Fotografe Italiane è stata costituita a Bologna nel dicembre 2017 da un nutrito gruppo di fotografe italiane, attive da anni in ambiti professionali, artistici e culturali. Si prefigge di promuovere la fotografia femminile italiana in Italia e all’estero, affinché venga rivolta la giusta attenzione ad uno sguardo femminile sul mondo. Le socie attuali sono 50.

Informazioni:

Centro Culturale "Luigi Russo", Via S. Agostino, 1 – Pietrasanta tel. 0584/795500

oppure consultare il sito www.museodeibozzetti.it