Arte: applausi e pubblico dei grandi eventi per il Premio Fratelli Rosselli, Park Eun Sun dedica premio alla moglie

Stampa, 29 ott 13:42 ·
Vai a:   articolo principale       

“Questo premio è di mia moglie. Lo dedico a lei…”: Park Eun Sun dedica il prestigioso riconoscimento, consegnato ogni anno dal Circolo Fratelli Rosselli agli artisti che contribuiscono a valorizzare e promuovere Pietrasanta nel mondo, alla moglie Kyung Hee Lee. “Sono onorato di ricevere questo riconoscimento – ha detto alla numerosa platea del Chiostro di S. Agostino con un filo di emozione – ma è in realtà un premio che spetterebbe a lei”.

Accoglienza e partecipazione da grandi eventi per la cerimonia di consegna del premio all’artista coreano che da 25 anni vive e lavora a Pietrasanta. Un’artista amatissimo come ha confermato la presenza di numerosi artigiani ed artisti a fianco delle istituzioni. Bella, appassionata e puntuale la presentazione del critico d’arte, Michele Tavola che ha ripercorso le tappe ma anche le peculiarità dell’arte di Park Eun Sun così come travolgente è stata l’appendice musicali del soprano Alida Berti accompagnata da Roberto Barrali al pianoforte.

Presenti il Presidente del Circolo Fratelli Rosselli Alessandro Tosi, il primo cittadino, Alberto Stefano Giovannetti, il Presidente del Consiglio, Paola Brizzolari, il Direttore dell’Istituto Culturale Coreano, Soo Myoung Lee, il Presidente della Banca di Credito Cooperativo Versilia Lunigiana e Garfagnana, Enzo Stamati ed i due parlamentari di riferimento della Versilia Storica, il Senatore, Massimo Mallegni che di Pietrasanta è stato sindaco per tre volte e Umberto Buratti, due volte sindaco di Forte dei Marmi. “Park – ha spiegato il Presidente Tosi – è un’ambasciatore naturale di Pietrasanta a livello internazionale. Questo premio, quest’anno, poteva andare solo a lui viste le tante iniziative, le mostre ed il lavoro che ogni giorno porta avanti per costruire relazioni, link ed opportunità per il nostro territorio”.

Per il primo cittadino, Giovannetti “Park Eun Sun è un protagonista quotidiano della nostra comunità. – ha detto – Investiremo, anche molto già dal 2019, per continuare a promuovere la nostra identità e le nostre unicità, il marmo, la lavorazione, il bronzo, l’artigianato, la nostra cultura ed il nostro turismo in tutto il mondo perché queste sono le risorse su cui si posa un bel pezzo della nostra economia”. A tracciare una parte importante del percorso è stato l’assessore ai Beni, Attività Culturali e Turismo, il Senatore, Massimo Mallegni: “Ho letto con un certo sconcerto, in questi giorni, le dichiarazioni di un qualche fenomeno locale che si chiede come mai a Pietrasanta si investano risorse nella cultura. Chi pensa che non si vive di cultura è un bischero. La cultura è un elemento essenziale per un paese come il nostro. Porteremo i bozzetti nel mondo. Nei prossimi giorni – ha annunciato - sottoscriverò un accordo con gli Istituti Culturali e Ministero degli Affari Esteri per promuovere i nostri artigiani, i nostri bozzetti e l’economia del territorio nelle principali città europee e non solo. La prima tappa sarà a Mosca, in Russia. Poi andremo a Parigi e così via…”. Il nome di Park Eun Sun entra nell’albo del Premio, nato nel 1991, al fianco di Fernando Botero, Igor Mitoraj, Francesco Messina, Gio’ Pomodoro, Novello Finotti, Knut Steen, Jean Michel Folon, Pietro Cascella, Harry Marinsky, Maria Gamundi, Jorgen Haugen Sorensen, Marc Quinn, Art Schonk, Joseph Sheppard, Claudio Capotondi e molti altri.