Casa Carducci nel circuito delle “Case della Memoria”. L'amministrazione Mallegni potenzia la promozione dei luoghi storici

Stampa, ult. agg. 13.12.16 -
Vai a:   articolo principale       

Casa Carducci entra nel circuito delle “Case della Memoria”. L’amministrazione comunale di Pietrasanta guidata da Massimo Mallegni continua a promuovere la casa natale, le iniziative legate al Premio Nobel e la sua figura nel contesto del legame con Pietrasanta nell’ottica del potenziamento del turismo culturale del sistema “Pietrasanta città d’arte e cultura”.

Casa Carducci a Valdicastello era stata dichiarata monumento nazionale nel 1912.

Ad oggi fanno parte delle “Case della Memoria” le case legate a personaggi di primaria importanza quali ad esempio, Dante Alighieri, Petrarca, Boccaccio, Giotto, Macchiavelli, Leonardo da Vinci, Giovanni Pascoli, Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Gabriele D’Annunzio, Luciano Pavarotti e molti altri.

Con l’adesione all’associazione nazionale “Case della Memoria”, ente promotore di un progetto per la valorizzazione delle dimore di grandi letterati e scrittori, la Casa Carducci godrà, da ora in avanti, di una grande ed importante attività di promozione collegata alla più importante rete che permette a visitatori e turisti di “incontrare” i suoi protagonisti, il loro vissuto, il forte legame con il territorio.

Del resto, sin dal suo insediamento, l’amministrazione comunale ha destinato risorse economiche ed umane per ridare vigore al Premio Nazionale di Poesia e per incentivare le visite guidate e le escursioni alla Casa Museo di Valdicastello coinvolgendo anche gli alunni delle scuole cittadine diventati guide-attori. Nella Casa Museo tutte le stanze sono infatti state animate dagli studenti.

“Casa Carducci così come il Museo Barsanti, dedicato all’inventore del motore a scoppio, – spiega Massimo Mallegni, Sindaco di Pietrasanta – rappresentano due importanti tasselli del nostro circuito museale insieme al Museo dei Bozzetti, unico al mondo e presto al Museo Archeologico che inaugureremo a Palazzo Moroni e del Museo Mitoraj che garantirà una nuova spinta internazionale alla nostra città. Pietrasanta, nel 2017, avrà quattro musei aperti oltre alle mostre d’arte periodiche, alla attività della Versiliana e alle tante altre iniziative culturali e di intrattenimento. Un risultato straordinario”.

Per informazioni sul circuito dei musei aperti vai su www.museodeibozzetti.it