Turismo: Pietrasanta meta da habitué, una nuova tesi Unipi premia la città

Stampa, ult. agg. 13.12.16 -
Vai a:   articolo principale       

Turisti conquistati dalle strutture ricettive a conduzione familiare. Il 90% torna per un’altra vacanza.

Nuova tesi discussa da una studentessa dell’Università di Pisa nell’ambito della partnership tra il Comune e il dipartimento Marketing e Ricerche di Mercato

Vivibilità, dimensione familiare delle strutture ricettive e degli stabilimenti balneari. In termini di attrattività turistica, il segreto di Pietrasanta è (anche) questo. Lo dice l’ultima tesi discussa da una studentessa dell’Università di Pisa, Federica Paolicchi, pietrasantina doc, che ha condotto il suo studio nell’ambito del progetto “Il turista prima di tutto”, risultato della partnership instaurata tra il Comune e il dipartimento di Marketing e Ricerche di Mercato dell’ateneo toscano.

Un sodalizio voluto dall’amministrazione, guidata dal sindaco Massimo Mallegni, per disporre di dati aggiornati e chiari su un settore cruciale per l’economia del territorio.

La tesi della dottoressa Paolicchi è la seconda presentata sul tema e contiene spunti incoraggianti: il 90% dei turisti che visitano la piccola Atene, tornano in città. Pietrasanta è una meta da habitué che amano le piccole strutture, dove familiarità, cortesia e attenzione per il cliente sono al top. I rilievi, effettuati nello scorso mese di agosto da un team di studenti, rivelano che la maggior parte dei visitatori sono degli “affezionati”, attratti da mare e cultura. Questi sono i fattori di maggior richiamo per la città, favorita dalla presenza di piccole imprese, da una ricettività a misura d’uomo che conquista i vacanzieri e li convince a tornare.

“Sono dati molto utili – dice il vicesindaco, Daniele Mazzoni – per orientare la nostra attività amministrativa e renderla sempre più mirata. La sinergia con l’Università di Pisa è fondamentale perché ci restituisce studi professionali e indipendenti da cui si possono trarre indicazioni da tenere in considerazione per le decisioni sulla gestione del territorio. In questo modo abbiamo la possibilità di fare scelte consapevoli ed efficaci. Ringrazio il professor Alessandro Gandolfo e il dottor Raffaele Caparelli del Dipartimento di Marketing dell’Università di Pisa e faccio tanti complimenti alla nostra concittadina, Federica Paolicchi, per il lavoro svolto e per la laurea appena ottenuta”.

Lo studio rileva anche le criticità: in particolare, dai dati emerge il fenomeno del turismo alberghiero sommerso, un fattore di concorrenza sleale diffuso, che penalizza hotel e B&B in regola. Le strutture che fatturano si difendono grazie a permanenze prolungate perché Pietrasanta risulta ancora “immune” dalla tendenza al turismo mordi e fuggi, in crescita a livello nazionale. Merito anche della qualità dei servizi e del livello d’accoglienza, potenziato dall’amministrazione comunale con interventi sul decoro urbano, sulle aree verdi e sugli spazi gioco all’aria aperta.

A gennaio i lavori delle 2 studentesse saranno presentati all’amministrazione e alla cittadinanza.