Pubblicità: lotta gli impianti abusivi, al via i controlli

Stampa, ult. agg. 22.12.16 -
Vai a:   articolo principale       

Farnocchia: “Pd ha confuso spaghetti con tortelli”.

Decine di cartelloni pubblicitari abusivi che deturpano e disturbano il paesaggio spuntati senza autorizzazione ed in barba al regolamento.

Il Comune di Pietrasanta dichiara guerra alla cartellonistica pubblicitaria inserendo nel vigente regolamento per l’applicazione del canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche, approvato dal consiglio comunale di Pietrasanta in occasione della seduta di mercoledì 21 dicembre, un nuovo punto che andrà a disciplinare e individuare una specifica categoria di occupazione spazi ed aree pubbliche relative agli impianti per l’esposizione della cartellonistica pubblicitaria.

Niente a che fare con le insegne dei pubblici esercizi commerciali.

“Si tratta di impianti pubblicitari e non insegne per le attività commerciali. – ha spiegato Cinzia Crivelli, assessore al bilancio presentando il regolamento – Nei prossimi mesi partiranno i controlli da parte della Polizia Municipale per verificare il rispetto del regolamento. Non è corretto nei confronti di chi paga per avere la cartellonistica che ci siano in giro pubblicità abusive. E’ un danno per la comunità e per l’immagine del territorio che ci stiamo sforzando di assicurare al nostro comune”.

La bagarre accesa dalla minoranza del Partito Democratico nei giorni precdenti il consiglio comunale è stata stroncata dal presidente della commissione regolamento, Massimiliano Farnocchia: “il documento è stato illustrato e spiegato durante la commissione in tre ore di discussione. La minoranza, ancora una volta, sta cercando di rallentare e penalizzare le imprese che invece pagano correttamente la tassa sulle insegne. Adiamo a colpire chi installa in maniera illegale le pubblicità. Ci sembra normale, lecito ed equo. Il documento è molto chiaro ma la minoranza è stata ancora una volta in grado di fare confusione. Qui non si parla di insegna dei negozi. Hanno confuso gli spaghetti con i tortelli”.