Trapianti: già 60 donatori a Pietrasanta, boom di adesioni al progetto “Una Scelta in Comune”

Stampa, ult. agg. 23.01.17 -
Vai a:   articolo principale       

Nessuno si è tirato indietro di fronte alla possibilità di garantire la vita del prossimo. Anche se il prossimo non ha un nome e cognome e nessun grado di parentela o amicizia. Sono già 60 in due mesi i residenti del Comune di Pietrasanta che si sono recati all’Ufficio Anagrafe per il rinnovo o rilascio della carta d’identità e che hanno espresso la volontà di donare organi e tessuti in caso di morte prematura.

L’adesione al progetto “Una scelta in Comune” è frutto del lavoro bipartisan del consiglio comunale.

“E’ un risultato straordinario – commenta Daniele Taccola, consigliere comunale e medico – che offre la dimensione della sensibilità dei pietrasantini. Non c’è gesto più altruistico e generoso che quello di scegliere di diventare donatori. E’ un passo in avanti di umanità”.

Il servizio, attivato dallo scorso 23 novembre, permette al momento della richiesta o del rinnovo della carta di identità di dichiarare la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti. Nel caso in cui il cittadino decida di esprimere la propria volontà - sia essa positiva o negativa - questa confluirà direttamente nel Sistema Informativo Trapianti, il database del Ministero della salute, consultabile 24 ore su 24, che raccoglie tutte le espressioni di volontà sulla donazione di organi e tessuti.

Donazioni: una scelta in comune