Arte: Salvador Dalì saluta con 45mila presenze, in 14 mesi 110mila visitatori a Pietrasanta per le mostre

Stampa, ult. agg. 09.02.17 -
Vai a:   articolo principale       

Nessuna mostra, dal 2012, aveva richiamato così tanto pubblico durante il periodo invernale.

45mila visitatori per Salvador Dalì a Pietrasanta. Le sculture surrealiste e sognanti dell’eccentrico artista spagnolo salutano la Piccola Atene con il record di visitatori per una mostra invernale.

In 80 giorni di apertura Dalì ha richiamato nel centro storico quasi 45mila presenze a conferma del grandissimo appeal e risonanza della mostra organizzata dal Comune di Pietrasanta e Fondazione Versiliana nell’ambito del progetto di promozione S.T.Art Grandi Eventi.

Le quattro grandi mostre promosse dall’amministrazione comunale guidata da Massimo Mallegni (Paolo Ruffini, Rinaldo Bigi, Helidon Xhixha e Salvador Dalì) hanno attirato nel centro storico oltre 110mila presenze in 14 mesi.

“Il risultato di Dalì - spiega Mallegni - è un risultato straordinario che conferma la nostra scelta di puntare, per il periodo invernale, su retrospettive di livello internazionale per attrarre pubblico e visitatori in una fase della stagione storicamente delicata. L’obiettivo è stato raggiunto sia a livello di presenze che mediatico con una risonanza nazionale sui media. Nessuna mostra invernale, dal 2012 ad oggi, aveva mosso così tanti visitatori. Sono numeri importanti per il nostro centro storico e per la nostra città. Per il prossimo inverno siamo al lavoro per un altro evento d’arte di portata mondiale”.


Giuseppe Carta, Asino, 2009, alluminio, fusione a cera persa, cm 203x80x200

Iniziato il disallestimento delle opere di Dalì, a giorni è in programma l’allestimento degli Orti della Germinazione di Giuseppe Carta.

In Piazza Duomo sarà ospitato un peperoncino di 16 metri – immagine iconica e tradizionale, pop per la sua naturale cromia, sempre attuale e carica di simbolismi – emerge dal sottosuolo e si innalza verso il cielo. Con la sua superficie mossa da sporgenze e rientranze, cattura la luce e la diffonde nell’ambiente circostante inondandolo di suggestioni.

Dal 26 febbraio all’11 giugno 2017 l’ampia antologica raccoglie circa cento opere, tra sculture monumentali e non – in bronzo, marmo, alluminio e resina – e oli su tela, esposte in Piazza del Duomo, nella prospiciente Chiesa di Sant’Agostino e sul pontile di Forte dei Marmi.

La personale di Carta è promossa da Arte Contemporanea Italiana e dal Comune di Pietrasanta ed è realizzata grazie all’attiva partecipazione e collaborazione della Fonderia Artistica Mutti Francesco, della GBC Marmi srl, de La Fenice Marmi srl e della Eurit srl.

Concepita come un articolato e armonioso allestimento scenico, la mostra vede oltre alla curatela di Beatrice, l’orchestrazione registica di Alberto Bartalini. Fil rouge del nucleo di lavori, come sempre in Carta, è la Natura: frutti e ortaggi sono ritratti tanto nei loro momenti di massimo splendore quanto in quelli di caducità, evoluzione e marcimento. La Natura, per l’artista, è sempre foriera di bellezza e di nuova vita anche laddove apparentemente la vita non c’è più.

Nato in Sardegna, dove vive e crea le sue opere presso la sua Fondazione sulle colline di Banari, in provincia di Sassari, Carta non potrebbe mai prescindere dallo stretto rapporto con l’elemento naturale: in veste di contadino, ogni mattina, osserva tutte le trasformazioni che sono avvenute nei suoi terreni durante il giorno.

Nella Piazza del Duomo germogliano quindi altri cinque peperoncini, piccanti simboli di prorompente vitalità e con essi il pensiero, le emozioni, la creatività. Sulla scalinata della chiesa, un asino d’alluminio in fremente tensione lancia il suo raglio. Una pera in marmo è un particolare omaggio al territorio che ospita l’esposizione: Giuseppe Carta ama il marmo per l’eleganza della materia che regala alle sue sculture trasparenze e velature, le stesse che raggiunge dipingendo le sue nature morte.

I naturalistici ritratti della frutta e della verdura trasferiti nello spazio urbano prendono la consistenza della scultura, ma tornano a essere pittura all’interno della Sala dei Putti e del Capitolo della Chiesa di Sant’Agostino: qui infatti trovano spazio gli oli su tela, nature morte di commovente veridicità. Oltre ai prodotti della terra, antichi cristalli, preziosi tessuti e suppellettili sono riprodotti con sapienza attraverso l’antica tecnica della velatura.

Sempre nella chiesa, sopra ai nove altari esistenti, il regista Bartalini colloca nove riproduzioni di alcune opere dell’artista costruendo un insieme di notevole spettacolarità. Ad accentuare la teatralità dell’installazione, al centro dello spazio ecclesiale sono raccolti diversi frutti in bronzo policromo e alluminio.

L’evento si estende, infine, al pontile di Forte dei Marmi: un’enorme melagrana dischiusa, da cui fuoriescono i chicchi succosi, diventa simbolo di prosperità e nuova vita. La scultura è stata creata nel 2012 come scenografia del Teatro del Silenzio di Andrea Bocelli a Lajatico in Toscana ed è poi divenuta simbolo dell’Andrea Bocelli Humanitarian Award.

L’esposizione è da intendersi quale esito dell’eccellente percorso scultoreo compiuto da Carta che è stato più volte riconosciuto negli anni grazie a importanti installazioni realizzate proprio a Pietrasanta con la Fonderia Artistica Mutti Francesco, la Fonderia d’Arte Massimo del Chiaro e il laboratorio di scultura di Marco Giannoni.

Si ricordano in particolare quelle proposte alla Biennale di Venezia, all’Euroflora di Genova, all’Expo Milano 2015 nei padiglioni Cina e KIP ONU, in Cina nelle grandi città di Chongqing e Chengdu e a Milano, dove il monumentale peperoncino esposto nel piazzale antistante l’ingresso di Eataly nel settembre 2016 sarà presto collocato in esposizione permanente. Un’ulteriore personale di Giuseppe Carta è inoltre prevista presso la sede di Eataly a Roma nella seconda metà del 2017, sempre in collaborazione con Arte Contemporanea Italiana.

Completa la mostra un catalogo edito da E20 Progetti con testi di Luca Beatrice e Ilario Luperini.