Il Comune incassa contributo (569 mila euro) per opere urbanizzazione all'ex Pio Campana, la burocrazia teneva incatenate le risorse

Stampa, 17.02.17 -
Vai a:   articolo principale       

Il Comune sblocca la partita dell’ex Pio Campana.

Incassati 569mila euro relativi ad un contributo a fondo perduto richiesto ormai dieci anni fa e rimasto “congelato” tra maglie della burocrazia.

L’azione dell’amministrazione comunale di Pietrasanta, in sinergia con la Pietrasanta Sviluppo Spa, ha finalmente portato nelle casse di Palazzo Comunale l’intero ammontare del contributo regionale che era stato richiesto per il completamento delle opere di urbanizzazione dei terreni dell’ex Pio Campana.

Qui il Comune di Pietrasanta ha intenzione di realizzare un nuovo polo artigianale dove troveranno spazio anche i nuovi hangar del Carnevale.

Comprensibilmente soddisfatta l’assessore al bilancio, Cinzia Crivelli. Il contributo doterà il comune di capacità di spesa immediata. “Siamo riusciti – spiega la Crivelli – ad arrivare in fondo ad una vicenda decennale che era rimasta incastrata tra i meandri della burocrazia. L’amministrazione aveva speso ma non aveva richiesto, negli anni passati, questo contributo. Ora potremo usare queste risorse per l’attività ordinaria del bilancio e finanziare ulteriori interventi”.

Fondamentale il lavoro di Claudio Viviani, Presidente della Pietrasanta Sviluppo, e del funzionario comunale, Michela Ulivi, che sono stati capaci di sciogliere i nodi della burocrazia. L’amministrazione è già all’opera per recuperare anche gli oneri di urbanizzazione dell’area del Portone.