Ambiente: Mazzoni, amministrazione al lavoro per spostare impianti Saponiera e Colmate

Stampa, ult. agg. 25.03.17 -
Vai a:   articolo principale       

“La nostra amministrazione fin dal suo insediamento aveva subito espresso più di una perplessità sull’affidamento a Vera dell’impianto di Pioppogatto senza una procedura ad evidenza pubblica, chiedendo al Cav di effettuare una selezione pubblica o, in alternativa, di affidarlo ad Ersu che è società interamente partecipata dal pubblico. Finalmente, dopo un anno, il 21 marzo il Cav ha deliberato la concessione ad Ersu dell’impianto di Pioppogatto”.

E’ Daniele Mazzoni, Vince Sindaco del Comune di Pietrasanta a tornare sul tema delle gestione dei rifiuti in Versilia. Mazzoni aveva partecipato all’ultima riunione del Consorzio Ambiente Versilia insieme al Sindaco, Massimo Mallegni. “In conseguenza dell’affidamento dell’impianto di Pioppogatto abbiamo chiesto ad Ersu di spostare sia l’impianto di Colmate, ubicato al Pollino, accanto all’inceneritore, sia l’impianto di trattamento del multimateriale in località Saponiera, come promesso in campagna elettorale ai cittadini residenti in quella zona. Ne ho parlato al convegno sul Tallio ricevendo apprezzamenti dalla popolazione del Pollino. L’impianto non è compatibile e oggi si fanno i primi atti concreti dopo anni di parole mai seguite da fatti. L’operazione Pioppogatto – spiega ancora - consentirà anche al Cav di affrontare gli impegni finanziari di svariati milioni di euro derivanti dai debiti dell’inceneritore voluto dalla Regione Toscana. Purtroppo stiamo facendo lo stesso errore perché Ato Costa sta cercando, con un’operazione fortemente voluta dal Partito Democratico, di far entrare un privato nella delicata gestione dei rifiuti”.

L’amministrazione Mallegni si era subito schierata contro la privatizzazione della gestione dei rifiuti “bloccando”, de facto, la procedura della gara di affidamento a dicembre. “La nostra amministrazione da sempre è contraria alla gestione privata dei rifiuti e dei rifiuti essenziali come l’acqua e non condivide la politica voluta dal Partito Democratico sia sui rifiuti, sia sulle discariche. Ricordo anche che Ato sta valutando la riapertura di un inceneritore ed il potenziamento di discariche. Due concetti di trattamento dei rifiuti anacronistico e che non appartengono alla nostra visione di gestione del rifiuto e contro cui combatteremo, con tutti i mezzi, anche in sede giudiziale se necessario”.

Intanto la Giunta municipale ha affidato al Professor Avvocato Bellagamba, esperto penalista, lo studio delle carte per la questione rifiuti.