Beni Culturali: le colonne ritrovate in Piazza Statuto diventano panchina storica

Stampa, ult. agg. 20.07.17 -
Vai a:   articolo principale       

L’arredo donato da pool pietrasantini.

Ve le ricordate le due colonne in marmo ritrovare durante gli scavi in Piazza Statuto alla ricerca dell’arto mancante del Monumento ai Caduti lo scorso novembre? Le due colonne sono diventate una panchina storica.

L’amministrazione comunale di Pietrasanta guidata da Massimo Mallegni ha infatti deciso di valorizzare i due preziosi reperti, seppelliti da più di 70 anni, trasformandoli in una seduta che è stata collocata a pochi metri di distanza da dove sono stati rinvenuti.

Le due colonne rappresentano una bella e suggestiva testimonianza del millenario legame tra la lavorazione del marmo, i laboratorio, la città e la sua storia. Si arricchisce di un ulteriore “pezzo” della storia della città l’arredo urbano del centro storico.

La panchina è stata installata in Piazza Statuto, all’ingresso della scalinata che porta lungo via Capriglia, ed è stata donata da un pool di pietrasantini che ne hanno curato la realizzazione: Alvaro Pesetti, che ha coordinato il progetto di recupero, Francesco Palagi, che ha fornito il marmo, e Rolando Tarabella che lo ha lavorato.

“Queste due colonne rappresentano un piccolo pezzo della storia di Pietrasanta – spiega Adamo Bernardi, Capo di Gabinetto del Sindaco che ha avuto l’idea di recuperare e valorizzare i reperti – e non potevamo permettere che finissero in qualche magazzino. Diamo una seconda possibilità a un frammento della nostra tradizione che abbiamo scoperto, per caso, durante gli scavi. Questa panchina sarà anche il simbolo del desiderio e dell’attaccamento alla nostra tradizione. Un nuovo luogo d’arte per turisti e residenti”.

L’amministrazione ringrazia i tre pietrasantini che hanno “firmato” la nuova panchina: “Grazie ad Alvaro Pesetti – conclude Bernardi – e a chi, con lui, ha reso possibile questo bel recupero”.

Nel frattempo prosegue anche la pulizia delle opere d’arte aggredite dal tempo e da anni di trascuratezza inserite nel Parco Internazionale della Scultura. Le opere sono lavate e pulite con una speciale idropulitrice che l’amministrazione ha acquistato per questo scopo.

Dopo Il Pugilatore” di Messina in via Garibaldi, “Il Cerchio del Vento” di Muto e il “San Giovanni” di Rosario Murabito in Piazza Matteotti (lato monti), l’attenzione delle maestranze comunali si è concentrata sui “Buoi Carratori” di Cascella, il “San Martino” di Marco Miozzo e il monumento all’Alpino di fronte alla Croce Verde di Pietrasanta in Piazza Matteotti, la scultura in travertino ospitata all’ingresso del quartiere Macelli che il tempo e l’incuria aveva reso irriconoscibile, il Monumento ai Caduti di Vallecchia e il monumento dedicato a Leopoldo II di Lorena in Piazza Duomo, tornato al suo primo splendore.