Arte: Anne-Claire firma monumento agli alberi caduti, una scultura a Capezzano Monte

Stampa, ult. agg. 27.07.17 -
Vai a:   articolo principale       

462 nuovi residenti stranieri: 1 su 3 sono artisti. La stima del Comune di Pietrasanta.

Una scultura-monumento in memoria degli alberi caduti nella tempesta del 5 marzo 2015 per il nuovo parco di Capezzano Monte.

Si chiama “Le tre Grazie” la scultura realizzata da Anne-Claire Van Den Elshout, artista olandese, ex avvocato di Amsterdam, che ha scelto Pietrasanta per vivere, insieme alla sua famiglia, nella frazione collinare di Pietrasanta dove ha trovato “il suo paradiso artistico”.

La scultura, donata dall’artista alla comunità e realizzata in marmo, sarà posizionata nel cuore del parco recentemente dotato anche di illuminazione. Inaugurazione in programma venerdì 28 luglio, alle ore 18.30, alla presenza dell’artista e del Sindaco di Pietrasanta, Massimo Mallegni.

“Durante un periodo piuttosto lungo – racconta l’artista olandese - ho avuto fantasie dell’idea di una scultura per il nuovo parco di Capezzano Monte. Ho creato vari modelli nati dalla mia mente e le mie mani, ma nessuno mi convinse abbastanza di andare bene col progetto del nuovo Parco di Capezzano Monte. Poi, un giorno, mentre stavo salendo sulle meravigliose colline che portano al nostro paese, mi è venuta in mente l'idea perfetta. Era sotto i miei occhi da tutti questi anni che avevo vissuto sopra il paese di Capezzano Monte. Le colline sono coperte di bellissimi, vecchi ulivi in cui posso vedere forme del corpo umano e graziose femmine pronte a ballare. Deve essere un Albero e arrivata a casa ho iniziato a lavorare. La scultura che si vede di fronte è la mia interpretazione di un albero che rappresenta la Vita, ossigeno per respirare e, Bellezza per nutrire la nostra anima, con l'allusione di una donna: grembo di tutti noi.

Algaya (Splendore) viene accompagnata da Euphrosine (Gioia) e Thalia (Allegria): insieme rappresentano: Fascino, Bellezza, Natura, Creatività e Fertilità, valori dei quali abbiamo tanto bisogno nel nostro mondo di oggi. Era il 3 di marzo 2015, il giorno in cui iniziai a mettere in opera la mia idea. All'alba del 5 marzo quando ho visto come la Natura aveva devastato il bellissimo territorio della Versilia, seppi di colpo il nome della nuova scultura: Monumento agli alberi caduti”.

Anne Claire Van Den Elshout (la sua scelta di trasferirsi a Pietrasanta risale al 2002), e prima di lei molti altri artisti di tutto il mondo, è uno dei 426 stranieri che si sono trasferiti dall’estero a Pietrasanta negli ultimi anni richiamati anche dall’innata vocazione artistica e dalla possibilità di lavorare con gli storici artigiani del marmo e le fonderie di bronzo.

Secondo una stima del Comune di Pietrasanta almeno 1 straniero su 3, che ha fatto le valigie in via definitiva scegliendo la Piccola Atene come nuova quotidianità, è collegato alla filiera dell’arte in “una sorta di migrazione artistica – commenta il primo cittadino, Mallegni – che contribuisce al mito di Pietrasanta nel mondo. Il fatto che Anne-Claire e così come lei molti altri artisti abbiano scelto di lasciare il loro paese di origine per vivere e lavorare qui, fianco a fianco dei nostri artigiani e dei nostri laboratori, è un fatto molto positivo. Significa che Pietrasanta non è solo una meta turistica, ma un luogo dove la qualità della vita si intreccia alla sua naturale predisposizione al bello e all’arte. Sono particolarmente grato a Anne-Claire e a tutti gli artisti stranieri che hanno legato il loro futuro privato ed artistico alla nostra città e alla nostra comunità contribuendo al primato di Pietrasanta quale centro culturale ed artistico internazionale. La scultura agli alberi caduti è un simbolo della rinascita e della fertilità. La dove gli alberi sono caduti, ne stanno nascendo di nuovi. Più forti”.