Arte: dal Mosè di San Pietro alle Sentinelle di Yook Sook Choi, gli artigiani arredano il litorale

Stampa, ult. agg. 31.07.17 -
Vai a:   articolo principale       

Dall’imponente Mosè in bronzo, riproduzione a grandezza naturale dell’opera in marmo conservata nella Basilica di San Pietro realizzata dalla Fonderia d’Arte Massimo Del Chiaro alle Sentinelle Contrapposte in marmo della coreana Yook Sook Choi che vigilano sull’accesso al Pontile (presente anche un’altra opera dell’artista asiatica dal titolo “Donna”) passando per il docile Coccodrillo di Girolamo Ciulla fuso in bronzo dalla Fonderia Artistica Versiliese e la Medusa di Alessandro Romano sullo sfondo della fontana zampillante di Piazza Amadei.

Ed ancora la “Promenade” di Renato Parigi, “Fear” di Marina Bors, “Il Corteggiamento” di Alessandro Romano che ha realizzato anche “Lo Scudo di Achille” e l’”Età dell’Uomo”, l’”Apollon” del danese Misja Kristoffer Rasmussen, suo anche il “Koritsi” in bronzo, “La Strega” di Matteo Lo Greco e l’installazione #Amarmi di Barsi Marmi.

In tutto un bestiario di 16 opere che spaziano dalla mitologia alla praticità come la bellissima Fontana Liberty della Fonderia Artistica Versiliese che da il benvenuto a Tonfano.

Gli artigiani di Pietrasanta arredano il litorale così come non era mai successo prima di oggi grazie alla collaborazione tra l’associazione Artigianart, che raccoglie le migliori botteghe e laboratori della Versilia ed il Comune di Pietrasanta. L’esposizione è stata inaugurata dal Sindaco, Massimo Mallegni, dal Presidente di Artigianart, Paolo Favret e dal consigliere delegato alla cultura, Paola Brizzolari a Tonfano. Presenti anche numerosi artigiani ed artisti che hanno messo a disposizione le sculture, molte delle quali monumentali.

Le opere contaminano gli spazi del Pontile, Piazza Amadei ed i giardini circostanti.

“Abbiamo sposato appieno l’idea del Sindaco di un’esposizione delle opere e dei lavori dei nostri artigiani sul territorio con l’intento di valorizzare un settore strategico del territorio. L’obiettivo è renderlo un appuntamento fisso, magari non solo durante l’estate, ma durante tutto l’arco dell’anno. In esposizione abbiamo selezionato sia sculture in marmo che bronzo monumentali realizzate attraverso i bozzetti di artisti molto importanti”.

Artigianart era già stata protagonista, lo scorso maggio, della collettiva nella Sala delle Grasce. La versione “open air” delle Mani Segrete ha la finalità di collegare idealmente il centro storico con Piazza Duomo ed il rondò del Pontile.

“La collaborazione con Artigianart è strategica ed importante. – commenta il Sindaco, Massimo Mallegni – La comunità artigiana locale è una grande risorsa culturale e turistica per il paese, riconosciuta a livello internazionale, che il Comune vuole continuare a sostenere e promuovere. Le tante iniziative che stiamo mettendo in campo vanno proprio in questa direzione”.

Alla mostra hanno collaborato nomi storici dell’artigianato locale quali la Fonderia d’arte Del Chiaro, la Fonderia artistica versiliese, e i laboratori di Nicola Stagetti, Barsi Marmi e Massimo Galleni.