Biblioteca comunale: boom di accessi, nuovi investimenti sul patrimonio librario

Stampa, ult. agg. 14.09.17 -
Vai a:   articolo principale       

Ancora numeri record per la biblioteca civica “G. Carducci”. Il 2017 è un altro anno d’oro in termini di presenze.

Sono 27.424 gli accessi registrati negli ultimi 8 mesi alle sale di lettura, un grande risultato a fronte di 393 iscritti, con 112 baby lettori, compresi nella fascia 0-14 anni. I prestiti da gennaio al 31 agosto scorso sono stati 2.789. Merito delle politiche di valorizzazione della struttura attuate dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni, che dall’inizio del mandato ha fatto investimenti consistenti sul Chiostro di Sant’Agostino, portando il wi-fi in biblioteca, prolungando il calendario di apertura anche ad agosto, per garantire un servizio più “smart”, in linea con i tempi e le esigenze dei frequentatori.

Importanti risorse sono state destinate all’ampliamento del patrimonio librario, che oggi conta 50.600 volumi presenti sugli scaffali.

L’amministrazione Mallegni, dal 2015 ad oggi, ha contribuito ad implementare il capitale di libri con l’acquisto di 1.037 nuovi testi tra volumi e periodici (363 nel 2015, 357 nel 2016 e 317 nel 2017). “Pietrasanta – spiega il sindaco Massimo Mallegni – è in corsa per il titolo di Capitale della Cultura 2020. Un riconoscimento in linea con la vocazione che abbiamo voluto dare a questa città, puntando non solo sulla scultura e sull’arte, ma sulla cultura a 360 gradi. La nostra è una città che legge, un centro capace di dare ai suoi abitanti reali opportunità di crescita intellettuale, a cominciare dalle nuove generazioni, che devono riscoprire il fascino dei libri”.

Potenziate anche le attività della biblioteca, soprattutto quelle dirette ai più piccoli, richiamati dalle letture animate e dalle tante iniziative realizzate con la collaborazione dei volontari di Nati per Leggere.

Pietrasanta nel 2017 ha conquistato il titolo di “Città che Legge”, ottenendo la possibilità accedere a bandi di gara, finanziamenti e incentivi, messi a disposizione dal Centro per il Libro e la Lettura in collaborazione con Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani. Un obiettivo importante, una qualifica sudata arrivata a margine di una selezione che ha promosso 365 città su 522 richiedenti. Il titolo è un premio per i centri che favoriscono l’accesso libero alla lettura, nell’ottica di una crescita socio-culturale della comunità.

Un risultato ottenuto anche grazie all’evento “I libri invadono la città”, che da 6 anni a questa parte riempie di lettori e ascoltatori le strade della Piccola Atene.