Dissesto idrogeologico: ripulito il canale di Montiscendi, stop agli allagamenti

Stampa, ult. agg. 04.10.17 -
Vai a:   articolo principale       

“Liberato” da erbacce, piante e rifiuti il canale di via Del Lago e via Porta a Montiscendi.

Nuovo intervento di messa in sicurezza del reticolo idrico della frazione di Strettoia eseguito dal Consorzio di Bonifica su sollecitazione dell’amministrazione comunale di Pietrasanta. L’intervento ha portato alla rimozione di specie arboree e arbustive che rischiavano, in vista dell’inverno, di ostruire il passaggio delle acque meteoriche provocando allagamenti di case, terreni, capannoni ed aziende. A seguire i lavori è intervenuto il Vice Sindaco, Daniele Mazzoni accompagnato dal Capo di Gabinetto, Adamo Bernardi.

“La manutenzione periodica del reticolo idrico ma anche delle zanelle e dei canali di scolo è uno strumento indispensabile per mitigare il rischio idrogeologico ed evitare allagamenti ed inondazioni. Fenomeni di cui la nostra regione è tristemente nota a causa della mancanza di manutenzione dei reticoli e dei canali. Il canale di via del Lago era da anni che non veniva pulito così come altri canali del territorio su cui siamo intervenuti.

A fianco del reticolo principale, formato appunto da fossi e canali, siamo intervenuti sulle zanelle di Capriglia, Capezzano Monte, Vallecchia, la via Provinciale Vallecchia ed altre arterie: anche in questo caso era da molti anni che non venivano pulite e sgomberate da terra, erba e rifiuti. La crescita fuori controllo dell’erba e delle piante – spiega ancora Mazzoni - aveva ostruito canalette, cigli e zanelle provocando facili e costanti allagamenti delle strade anche in occasione di piogge scarse e problemi di visibilità e viabilità. Si tratta di interventi che consentiranno alle piogge di defluire regolarmente senza provocare disagi e danni a cose e persone”.

Altissima l’attenzione anche sulle colline dove l’amministrazione ha investito 750mila euro per “curare” le frane di Strinato e Capriglia. Allo Strinato l’amministrazione comunale è intervenuta con l’installazione di micro-pali, la realizzazione dei cordoli di cemento ed il posizionamento delle reti e delle armature per evitare nuovi movimenti franosi delle pareti. La frana di Capriglia era invece monitorata da almeno 8 anni. L’arrivo delle risorse da parte della Regione Toscana che ha deciso di finanziare con 450mila euro di risorse il progetto esecutivo presentato dal Comune di Pietrasanta stabilizzerà finalmente il fenomeno franoso. La frana ha una estensione di circa 60 metri di larghezza per circa 250 m di lunghezza. Il cantiere sarà aperto nei prossimi mesi.

Ripristinata e messa in sicurezza anche la strada di accesso alla frazione di Vitoio.

Riaperta anche della strada di collegamento in località Metati Rossi dove è stato eseguito un intervento analogo.