Il Commissario Giuseppe Priolo saluta la stampa illustrando l'attività svolta nei 9 mesi di gestione dell'Ente

Stampa, 2 lug 12:55 ·
Vai a:   articolo principale       

Un'intensa attività ha caratterizzato la gestione commissariale del Comune di Pietrasanta, contravvenendo a quanto si è soliti pensare degli enti soggetti a commissariamento. Il 25 giugno mattina, Giuseppe Priolo, incontrando la stampa, ha tirato le somme di nove mesi di incarico.

Ben 25 delibere (di cui 10 nel 2017) con i poteri del Consiglio, 35 delibere con i poteri di Giunta nel 2017 e 87 nel 2018, 27 ordinanze nel 2017 e 34 nel 2018, 11 decreti, 31 atti di indirizzo nel 2017 e 67 nel 2018.

Il Commissario ha aperto la sua illustrazione dell'attività ringraziando le forze dell'ordine per la loro costante collaborazione, il Prefetto di Lucca, il Ministro dell'Interno che lo ha indicato e il Presidente della Repubblica che ha avuto sempre una forte attenzione per Pietrasanta sino al conferimento della medaglia d'argento al merito civile la cui consegna, per volontà del Commissario, è stata posticipata all'ingresso della nuova amministrazione.

Tanti i temi toccati, dallo stato di salute dell'economia dell'ente che dai conti del consuntivo appare in sensibile miglioramento tanto da aver richiesto alla Corte dei Conti di uscire anticipatamente dalla procedura di riequilibrio, grazie anche all'importante definizione del contenzioso di CAV, scongiurando una situazione di pre-dissesto, alla implementazione delle iniziative di arte e cultura; è stato riaperto il tavolo del tallio e sono stati riannodati i rapporti con i ricercatori dell'Università di Pisa; è stata rivista la struttura organizzativa dell'ente per una maggiore efficienza e funzionalità dei servizi, ponendo mano a nuovi concorsi per i posti di dirigente vacanti.

Sul fronte migranti è stata inoltrata richiesta di adesione al progetto SPRAR, l'unico sistema di equilibrio tra emergenza e integrazione, che consente una gestione diretta, con gare ad evidenza pubblica e ritorno in termini di lavori socialmente utili. La presentazione della domanda di SPRAR ha evitato sinora il verificarsi di situazioni di emergenza.

Infine il capitolo Museo Mitoraj: il museo si farà, l'azione perseguita, finalizzata esclusivamente a garantire la leggittimità degli atti e a tutelare l'interesse pubblico, consentirà di rispettare i termini della convenzione firmata con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che prevede entro il 31 dicembre 2019 il completamento dei lavori e l'apertura del museo entro il 30 giugno 2020. E' stata indetta, a tal fine, una procedura negoziata per l'individuazione di professionisti cui affidare la progettazione definitiva ed esecutiva, alla quale hanno partecipato ben 17 importanti studi a livello nazionale. Si è ritenuto opportuno inoltre destinare una quota dell'avanzo di amministrazione per investimenti finalizzati alla riqualificazione delle aree circostanti il museo.

Un particolare ringraziamento è stato rivolto dal Commissario alle colleghe sub commissarie Patrizia Fedi e Grazia La Fauci con le quali ha pienamente condiviso la gestione del Comune, al Segretario Michele Parenti al quale sono state affidate anche attività dirigenziali, all'ufficio di staff, a tutti i dipendenti del Comune di Pietrasanta che hanno condiviso il lavoro e l'impegno dei Commissari.