La presenza e l’assenza. Pietro Cascella fotografato da Claudio Barontini

Stampa, ult. agg. 20.08.18 -

Inaugurazione sabato 18 Agosto alle ore 19.00

In mostra gli scatti di Claudio Barontini

Pietrasanta ricorda Pietro Cascella nel decimo anno della sua scomparsa. E lo fa con una mostra dal titolo “La presenza e l’assenza. Pietro Cascella fotografato da Claudio Barontini" e con alcuni bozzetti di alcune delle sue opere più celebri, come Omaggio all’Europa1970 Strasburgo, Arco della Pace 1971 Tel Aviv, Monumento a Giuseppe Mazzini1972 Milano, due studi ed il bozzetto esecutivo della Volta Celeste 1978 /1979 /1986 Arcore, Memoria di Pietrasanta 2000 Pietrasanta, gentilmente prestati da Cordelia von den Steinen e Iacopo Cascella.

La ricorrenza si svolge nell'ambito del Protocollo d'Intesa con i Comuni di Fivizzano, Massa, Pietrasanta e Ventasso - Municipalità di Collagna (RE) e gode del patrocinio del Consiglio Regionale della Toscana.


Pietro Cascella (Pescara, 1921 - Pietrasanta, 2008) inizia a interessarsi alla pittura in giovane età, seguendo le orme del padre Tommaso e del nonno Basilio.

Nel 1938 si trasferisce a Roma. Nel 1943 espone alla IV Quadriennale romana e nel 1948 alla XXIV Biennale di Venezia.

Tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio dei Cinquanta lavora la ceramica con la prima moglie Anna Maria Cesarini Sforza e il fratello scultore Andrea. Nel 1956 partecipa di nuovo alla Biennale di Venezia.

Nel 1958 inizia il progetto del Monumento ad Auschwitz ideato con il fratello Andrea e l’architetto Julio La Fuente, poi realizzato nel 1967 su nuovo disegno di Pietro in collaborazione con l’architetto Giorgio Simoncini. Nel 1965 incontra la scultrice Cordelia von den Steinen e nel 1977, trasloca a Fivizzano, nel Castello della Verrucola. Accademico di Francia, nel 2004 viene nominato Presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca. Arrivato a Pietrasanta nei primi anni '60, Cascella aveva lavorato all’ombra del campanile fino al 2008.

Nel 2002, su invito dell’Amministrazione Comunale, dona alla Città “Memoria di Pietrasanta”, in marmo bianco di Carrara, che davanti al Palazzo Comunale accoglie i visitatori quale testimonianza diretta di una Pietrasanta che fu, in omaggio ai lavoratori del marmo, artigiani o artisti che siano, e alle tradizioni di questo territorio, fondamenta per le realtà economico culturali del comprensorio apuo-versiliese.

L’evento è organizzato dal Comune di Pietrasanta in collaborazione con Fondazione Versiliana e StArt. Si ringraziano Cordelia von den Steinen e Iacopo Cascella.

La mostra è aperta al pubblico venerdì, sabato e domenica dalle 19.00 alle 24.00.

Dal 10 al 30 settembre dalle ore 17.00 alle 20.00.


Informazioni: Centro Culturale “L. Russo”, via S. Agostino 1 - 0584.795500

www.museodeibozzetti.it