Un premio per i giovani chirurghi ortopedici intitolato a Scaglietti-Dini

Stampa, ult. agg. 28.08.18 -
Vai a:   articolo principale       

Il premio nasce da una idea del Prof. Fernando Colao.

La borsa di studio, destinata ad un giovane chirurgo under 32, è messa a disposizione dalla Facoltà di Medicina di Firenze.

Una borsa di studio annuale destinata agli under 32 intitolata ai luminari dell’ortopedia Oscar Scaglietti e Piero Dini per arginare la fuga dei cervelli e allo stesso tempo valorizzare, esaltare e rilanciare la grande scuola fiorentina dei grandi chirurghi ortopedici.

A legare Pietrasanta con Firenze sono la scuola Ortopedica Fiorentina e l’ex Ospedale Civile Lucchesi che ha rappresentato, per molti anni, una costola dell’importante scuola. All’ex ospedale di Pietrasanta operavano infatti alcuni tra i primari più importanti come il Dr. Panichi ed il Prof. Palego che avevano utilizzato le tecniche più moderne apprese proprio alla Scuola Ortopedica Fiorentina.

Il Premio è stato presentato a Palazzo Comunale dal Prof. Fernando Colao, chirurgo ortopedico di chiara fama della Scuola Ortopedica di Firenze, insieme al primo cittadino, Alberto Giovannetti, e al Senatore e Assessore alla Cultura, Massimo Mallegni.

“La borsa di studio è rivolta a laureati in ortopedia e traumatologia – ha spiegato Colao – ed è messa a disposizione dalla Facoltà di Medicina di Firenze. Si tratta soprattutto di un corso di formazione chirurgico per un totale di 300 ore da attribuire a giovani chirurghi italiani che presentino degli elaborati di argomento scientifico – nello specifico chirurgico ortopedico – di particolare valore ma che tengono anche conto dell’aspetto umano del paziente. La scuola ortopedica fiorentina è stata per decenni un punto di riferimento internazionale. La sua storia inizia negli anni ’20. Da noi venivano ad imparare da tutto il mondo. Il premio pone l’attenzione su due aspetti: i giovani che sono il nostro futuro, giovani che devono lavorare qui e non all’estero, e che dobbiamo mettere in condizione di tenere viva ed arricchire una tradizione così importante e prestigiosa in ambito medico scientifico ed il rapporto medico paziente. La nostra piccola ambizione è invertire la tendenza e rimettere al centro i giovani”.

Il bando sarà pubblicato nel mese di gennaio 2019, le premiazioni sono invece in programma a dicembre 2019. Gli elaborati saranno valutati da una apposita commissione. Il premio è stato accolto a braccia aperte da Pietrasanta:

“Il Premio ha una valenza nazionale. – ha spiegato Giovannetti – E va nella direzione di stimolare i giovani medici a restare e a valorizzare qui la loro formazione. E’ un Premio di merito in prospettiva”.

Regista dell’operazione del Premio è stato il Senatore, Massimo Mallegni: “Nel 2000 abbiamo istituito il Premio Barsanti e Matteucci, un premio tecnico scientifico, proprio come il Premio Scaglietti – Dini. Quando il Prof. Colao mi ha proposto di valorizzare la figura di Scaglietti e Dini, e conoscendo il legame con la nostra città e l’ambizione della nostra città ad essere un costante punto di riferimento, ho detto subito di si. Il premio mira a valorizzazione quell’approccio medico e chirurgico che in Toscana, in questi anni, abbiamo un po’ dimenticato. Ecco perché è quanto mai così importante puntare i riflettori sulla formazione, sui giovani e sul rapporto innovativo tra sanità e paziente”.