500° Michelangelo in Versilia: dalla melanconia alla mano-mouse del David, ecco i tre bozzetti degli studenti accademie

Stampa, 28 set 13:05 ·
Vai a:   articolo principale       

Dalla melanconia di Giorgio Bernasconi (Brera) alla mano-mouse del David di Michelangelo rivisitata in chiave tecnologica da Giacomo Perazzolo (Venezia) passando per la dea marina di Irina Sadykova (Genova).

Sono i tre temi dei bozzetti in corso d’opera nei laboratori di Pietrasanta dei tre studenti delle accademie italiane selezionati per partecipare al concorso per le celebrazioni del 500esimo Anniversario della venuta di Michelangelo in Versilia, nato dall’intesa tra i Comuni di Pietrasanta, Forte dei Marmi, Seravezza e Stazzema, in collaborazione con la Fondazione Centro Arti Visive di Pietrasanta e l’Associazione Artigianart di Pietrasanta.

Tra i primi curiosi a seguire da vicino la prima parte dei lavori in corso nei laboratori di Pietrasanta, dove i tre giovani sono ospitati per imparare e lavorare fianco a fianco degli artigiani, è stato il Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti accompagnato dal Presidente della Fondazione Centro Arti Visive, Liliana Ciaccio, e da Valentina Fogher degli Istituti Culturali.

“La mission del Cav è quella di creare i presupposti formativi per garantire continuità al settore della lavorazione del marmo e del bronzo attraverso corsi, seminari e workshop – ha spiegato Alberto Stefano Giovannetti, Sindaco di Pietrasanta – e per fortuna, questo obiettivo, non è una casualità nell’anno del 500° di Michelangelo. I lavori che ho visto, in questa prima parte, sono promettenti, originali e di grande creatività. Ma è ancora più importante, per noi, costruire percorsi per garantire continuità alla nostra tradizione artigiana che deve avere una prospettiva di eternità anche dal punto di vista dell’esperienza, del sapere e della manualità. Sono curioso di vedere i lavori dei ragazzi una volta terminati…”. Soddisfatta anche il Presidente, Liliana Ciaccio: “questo progetto finalmente rispecchia gli intenti per cui la nostra Fondazone è stato fondato: arte, artigianato, tradizione, innovazione, didattica, relazioni inter-generazionali”.

I tre allievi lavoreranno a stretto contatto di Giancarlo Buratti, Scultori Associati di Liber, Milian Garcia e Roberta Castellari, Marble Studio Stagetti di Nicola Stagetti, e lo Studio di Massimo Galleni dell'Associazione Artigianart di Pietrasanta.