Francigena: drappo record sul Campanile dipinto dai diversamente artisti per la maratona

Stampa, 29 set 13:25 ·
Vai a:   articolo principale       

Le mani coloratissime dei ragazzi delle Briccole Special, del Cuore Speciale e di Semplicemente Genitori sul drappo monumentale che scende lungo il maestoso campanile del Duomo di San Martino. I 2.700 pellegrini protagonisti della seconda edizione della Francigena Tuscany Marathon troveranno un’altra bella sorpresa domani mattina, domenica 30 settembre, quando si ritroveranno in Piazza Duomo per la partenza: ad accoglierli ci sarà il drappo realizzato dall’artista della francigena Matteo Castagnini insieme ai diversamente artisti che hanno partecipato al progetto estivo Onde su Tela, Onde su Vela realizzato in collaborazione con il Nimbus e da Manuela Bascherini.

Un’opera collettiva a cui ha portato il suo contributo anche il Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti che ha scelto il colore verde per mettere anche la sua impronta sul drappo, oltre naturalmente i volontari delle associazioni impegnate, genitori ed accompagnatori. “E’ il modo della nostra città per dare il benvenuto ai tanti partecipanti della maratona – ha spiegato il primo cittadino – a cui auguro di trascorrere una giornata nel segno della Francigena, della condivisione, della solidarietà, dell’accoglienza e della bellezza che il nostro territorio saprà offrirgli. Buona camminata a tutti”.

Non è stata l’unica iniziativa a caratterizzare la vigilia della camminata non competitiva organizzata dall’Associazione Amici della Via Francigena. E’ stata, infatti, inaugurata anche la seconda piastra all’ingresso di via Mazzini, proprio di fronte all’opera di Nall, dopo la prima installata lo scorso anno alla presenza dell’artista, del primo cittadino e del Presidente del Consiglio, Paola Brizzolari, degli assessori, Elisa Bartoli ed Andrea Cosci e dei consiglieri, Matteo Marcucci, Paolo Bigi e Michele Balderi e del Presidente dell’Associazione Amici della via Francigena, Adriano Bigongiari. Entrambe le piastre sono state realizzate da Matteo Castagnini mentre a fusione è stata donata dalla Fonderia Artistica Mariani.