Maltempo: situazione torna verso normalità, riaperti Pontile e tratto viale Apua

Stampa, 30 ott 16:14 ·
Vai a:   articolo principale       

Migliorano le condizioni meteo. La situazione a Pietrasanta, come su tutta la costa, sta tornando verso la normalità. Riaperto il Pontile di Tonfano, chiuso per il codice arancione per rischio mareggiate dalle 18.00 di lunedì 29 ottobre fino alle 11.00 del giorno dopo, così come il tratto del viale Apua interdetto tra via Olmi e via Matteucci a causa della presenza di alcune piante a rischio caduta.

“L’intensità delle raffiche di vento ci ha riportato, per un momento, a quel 5 marzo maledetto. La fase emergenziale è stata gestita molto bene limitando al minimo i disagi per la cittadinanza dal punto di vista della viabilità e dei tempi dei ripristini laddove erano state interessate da cadute di alberi o pali della luce. – spiega il primo cittadino, Alberto Stefano Giovannetti – Nessuno si è fatto male e questo è quello che è importante. Ci tengo a ringraziare il centro operativo comunale per l’attività di gestione e coordinamento dell’emergenza”.

Centro Operativo Comunale della Protezione Civile del Comune di Pietrasanta al lavoro per tutta la notte e per tutta la giornata di martedì 30 ottobre su tutto il territorio per intervenire con azioni di rimozione o messa in sicurezza di alberi e pali della luce caduti o pericolanti come nel caso di via Setteponti, via Spirito Santo e via Padule. In via Capriglia e via Versilia la presenza di piante sulla carreggiata è stata prontamente risolta già nella tarda serata mentre è stato rimosso il grosso albero che era stramazzato a terra in un’arteria interna del viale Apua. Rimossi, per sicurezza, anche altri due alberi sul viale Apua. In azione, già nella prima mattina, anche i mezzi di Ersu per la rimozione del fogliame in particolare nel centro e lungo il viale Apua.

Il vento non ha risparmiato nemmeno i celebri bozzetti custoditi nell’area esterna del Museo nel Chiostro di S. Agostino: sono due le prove d’artista che hanno subito danni nonostante fossero protette da una teca. Disagi diffusi anche per l’assenza di energia elettrica in molte strade puntualmente segnalate ai gestori. In particolare Enel.