Frane: partiti i lavori anche a Valdicastello, comune al lavoro su tre fronti

Stampa, 15 nov 14:31 ·
Vai a:   articolo principale       

Partiti i lavori anche in via Valdicastello. Comune di Pietrasanta al lavoro su tre fronti per mettere in sicurezza i versanti di via Valdicastello (località Bugliola), via Casone, a Strettoia dove il cantiere procede spedico e a Colle di Mingo, nella frazione di Castello, interessato in queste ore da una serie di interventi necessari preparatori allo studio di fattibilità ma principalmente per riaprire una via di accesso all’abitato. L’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti vuole mantenere l’impegno con i residenti e ridurre i tempi per il ripristino della viabilità in sicurezza. A visionare il cantiere di Valdicastello, di prima mattina, è arrivato il sindaco, Giovannetti accompagnato dall’assessore ai lavori pubblici, Francesca Bresciani e dal Capo di Gabinetto, Adamo Bernardi. E’ stato un video postato sulla pagina Facebook ad annunciare ai residenti l’atteso avvio dei lavori. La frana risale infatti allo scorso marzo. Per garantire la viabilità in sicurezza la gestione commissariale aveva optato per l’installazione di geo-blocchi e per senso di marcia alternato.

“La lotta al dissesto idrogeologico è uno dei punti del nostro programma di mandato. Ma in questo caso stiamo parlando di problematiche presenti sul territorio da mesi, in alcuni casi, quasi da un anno. – spiega il primo cittadino – Metteremo in sicurezza questi versanti, così come abbiamo detto, e lo faremo cercando di ridurre i tempi per riconsegnare alla comunità strade e versanti sicuri. In questo momento sono ben tre i cantieri aperti sul fronte della mitigazione del rischio idrogeologico”. Il comune investirà circa 52mila euro per gli interventi in località Bugliola. Interventi che consistono nella pulizia, decespugliamento e disgaggio della parete con rimozione manuale degli elementi instabili, la realizzazione di ancoraggi, del rivestimento della parete con rete di rinforzo impiegando funi di acciaio, della barriera paraghiaia oltre naturalmente alle opere di ripristino della pavimentazione stradale e la rimozione dei geoblocchi.

In corso, come anticipato, le indagini a Colle di Mingo: il borgo è oggi irraggiungibile anche dai mezzi di soccorso. L’obiettivo immediato è riaprire la strada per rendere accessibile il borgo ai mezzi di emergenza vista anche la presenza di anziani ed iniziare finalmente le analisi sul terreno. “Così come fatto per Strettoia e Valdicastello procederemo con l’attività di indagine – spiega la Bresciani – che è necessaria per ottenere tutte quelle informazioni indispensabili per inquadrare il livello di rischio e per procedere con una eventuale messa in sicurezza. I risultati saranno poi elaborati dai tecnici che avranno il compito di predisporre un progetto ed indicarci la strada migliore per mettere definitivamente il versante in sicurezza”.