Difesa Suolo: 711 mila euro per secondo lotto frana Capriglia, amministrazione Giovannetti ottiene maxi finanziamento regionale

Stampa, 28 feb 12:52 ·
Vai a:   articolo principale       

Buone notizie sul fronte della difesa del suolo e della lotta al dissesto idrogeologico. Ed in particolare per la frazione di Capriglia e per la “frana storica” monitorata da quasi un decennio. Il primo dei tre lotti, per curare il movimento franoso che ha una estensione di circa 60 metri di larghezza e 250 di lunghezza, era stato finanziato ed eseguito nel 2017 dall’amministrazione Mallegni che aveva ottenuto un finanziamento di 450 mila euro.

L’intervento aveva coinvolto proprio l’ingresso della frazione ed aveva posto le basi per le successive azioni. Il nuovo finanziamento regionale, reso ufficiale nelle scorse ore, per un importo di circa 712 mila euro (38 mila erano già stati finanziati per la progettazione), consentirà di realizzare anche il secondo lotto entro la fine dell’anno. I lavori vanno quindi avanti, come promesso anche in campagna elettorale, per mettere in sicurezza le colline ed i residenti. I continui “viaggi” in Regione Toscana da parte del Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti, dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Francesca Bresciani e dei tecnici Stefano Taccola e Filippo Bianchi, l’ultimo un paio di settimane fa, hanno portato un risultato importante per tutta la comunità. La sola frana di Capriglia costerà, complessivamente una volta eseguiti i tre lotti previsti dal progetto, oltre 2milioni di euro.

“Ringraziamo la Regione Toscana e gli assessorati di competenza con cui abbiamo da subito avuto un rapporto diretto e concreto – spiega Francesca Bresciani, Assessore ai Lavori Pubblici – per aver garantito, alla nostra comunità, risorse importantissime per continuare un lavoro serio e risolutivo per la messa in sicurezza di un versante molto fragile che stiamo tenendo sotto controllo da molti anni. Contiamo di aprire e completare i lavori entro la fine dell’anno”.

Già pronto anche il progetto del terzo lotto: “gli uffici regionale hanno già – precisa la Bresciani – il progetto anche dell’ultimo intervento che speriamo possa essere finanziato nel 2020 così da completare la messa in sicurezza di Capriglia”. Sono attualmente nove i fronti aperti nel Comune di Pietrasanta ma sono cinque quelli per cui l’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti aveva chiesto un finanziamento per far partire i progetti, per altro già presentati, per le frazioni di Capriglia appunto, Vitoio, Castello e Strinato. E’ invece in corso l’intervento in via Capezzano Monte che il Comune di Pietrasanta realizzerà con risorse proprie per prevenire un aggravamento del movimento franoso ed evitare disagi per la circolazione. “In questi primi mesi di mandato – prosegue la Bresciani – abbiamo messo in sicurezza le frane di via Valdicastello ed in via Casone. A fianco di queste azioni di lotta al dissesto idrogeologico – prosegue - stiamo portando avanti anche un piano di pulizia dei canali e dei tombini che si sta rilevando importante per evitare allagamenti e disagi ai residenti, alle imprese e alla viabilità; un lavoro che continuerà senza sosta per rendere il territorio sicuro”.