Libri: da Vinci come Cracco? nel Chiostro le rivelazioni culinarie di “Leonardo non era vegetariano”

Stampa, 21 mar 11:38 ·
Vai a:   articolo principale       

“Leonardo non era vegetariano” nel Chiostro di S. Agostino. Terzo ed ultimo appuntamento mercoledì 3 aprile (alle ore 17.00) a Pietrasanta con il ciclo di incontri letterari patrocinati dal Comune di Pietrasanta nell’ambito delle celebrazioni del 500esimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci.

Edito da Editore con la prefazione di Oscar Farinetti “Leonardo non era vegetariano” è un libro con due anime, una storico artistica e un'altra culinaria. Gli autori ci regalano infatti un ritratto inedito del grande genio toscano come pioniere della moderna cultura gastronomica. Leonardo da Vinci amava il cibo, esplorò le proprietà degli alimenti per la salute del corpo, inventò macchine e utensili per la sua lavorazione e lo rese protagonista anche nei suoi dipinti, come Cenacolo, la mensa più famosa del mondo. Il libro è in realtà un vero e proprio manuale di cucina contemporanea composto da ricette sfiziose, illustrate fotograficamente in ogni fase di preparazione, dello chef Eataly, Enrico Panero (Ristorante Da Vinci, Eataly Firenze) capaci di evocare intensamente, con gusto e creatività, il mondo di Leonardo.

Tra gli autori Davide Paolini che introduce le tappe di un viaggio tra i luoghi, le opere e i sapori di Leonardo che si mescolano con le invenzioni culinarie di Panero introdotte dalle note di Annamaria Tossani, che collegano la cucina di Leonardo a quella del nostro tempo. Cristina Acidini, tra i massimi esperti mondiali di arte rinascimentale, racconta la poesia del Cenacolo più famoso del mondo. In appendice, un glossario con gli ingredienti studiati da Leonardo impiegati nelle ricette di Panero e una cronologia leonardiana.

La presentazione del libro è anche l’occasione per visitare la mostra “Leonardo Digitale” di Andreas Oliver Klein ospitata tra la Chiesa ed il Chiostro di S. Agostino fino a domenica 7 aprile. L'ingresso è gratuito.