Artigianato: Sylacauga Marble Festival, il “canadese” Marcello Giorgi ambasciatore della Piccola Atene

Stampa, 26 mar 14:42 ·
Vai a:   articolo principale       

Il “canadese” Marcello Giorgi ambasciatore di Pietrasanta al Sylacauga Marble Festival. Per il secondo anno consecutivo lo scultore ed artigiano pietrasantino, che da diversi anni si è stabilito a Montreal, in Canada dove ha aperto una scuola di scultura, sarà ospite del celebre Festival in programma dal 2 al 13 aprile nella regione dello stato dell’Alabama famosa per le sue cave di marmo. Il legame tra Pietrasanta e Sylacauga, ed ancora con la città capitale Montgomery, continua ad essere una straordinaria occasione di condivisione e di promozione per la Piccola Atene e per la sua immagine nell’America del Nord. Giorgi terrà prima una conferenza e poi parteciperà al simposio di scultura. Sono migliaia ogni anno i visitatori del Festival che celebra il marmo ricavato dalle cave scoperte da Giuseppe Moretti, famoso scultore italiano, più di cento anni fa.

“In bocca al lupo di Marcello – parla a nome della comunità, il Senatore, Massimo Mallegni, Assessore ai Beni, alle Attività Culturali e al Turismo – per questo nuovo viaggio nelle vesti di ambasciatore: ruolo che ha saputo ricoprire, lo scorso anno, con grande successo e con grande riscontro da parte degli organizzatori e per i visitatori, ragione per cui, oggi, è stato confermato a Sylacauga. Per la nostra città e per la comunità di artigiani è importante continuare ad essere presenti nei contesti globali. I primi ambasciatori del nostro territorio sono proprio gli artigiani perché sanno raccontare, con le mani, con il lavoro, la nostra storia”.

La lista degli ambasciatori di Pietrasanta è lunga e prestigiosa. Nel 2009 maestro di scultura fu l’artista Rino Giannini, nel 2010 Giovanni Balderi, nel 2011 Francesco Galeotti, nel 2012 Renzo Maggi, nel 2013 Roberta Giovannini, nel 2014 Francesco Badalacchi, nel 2015 Elena Mutinelli, nel 2016 Giovanni Balderi, nel 2017 Stefano Pierotti. Nel 2018 Marcello Giorgi appunto.