Relazioni Internazionali: Pietrasanta gemellata con Hammamet (Tunisia), nel segno cultura, turismo e del ricamo, via libera all’accordo

Stampa, 1 apr 14:43 ·
Vai a:   articolo principale       

Pietrasanta ed Hammamet più vicine nel segno della cultura, del turismo ma anche del ricamo e della democrazia. Via libera della giunta comunale di Pietrasanta al patto di amicizia con la principale città turistica della Tunisia che si affaccia sul Mediterraneo.

Pietrasanta e Hammamet hanno molto in comune e da condividere: sono entrambe due mete turistiche molto importanti animate da una tradizione artigianale ed artistica riconosciuta a livello internazionale, sono dotate di musei e istituzioni culturali. L’altro obiettivo, una novità nel panorama dei gemellaggi per la Piccola Atene che vanta legami molto forti con Granzach Wyhlen (Germania), Ecaussiness (Belgio), Villeparisis (Francia), Zdunska Wola (Polonia) e Montgomery (Alabama, Usa), è quello di sostenere, promuovere e diffondere i valori della democrazia laddove, come nel caso del paese nord africano, è una recente conquista. La Tunisia è uno dei paesi africani più in crescita dal punto di vista economico: nel 2019 il Pil crescerà del 2,9%. Ma non tutti sanno che è insieme alla tradizione della pesca, l’altra grande tradizione è quella del ricamo: esiste infatti un “punto di Hammamet”.

“Il patto – spiega il Senatore, Massimo Mallegni, Assessore al Turismo, ai Beni e alle Attività Culturali – ha come principale scopo quello di approfondire i legami comuni, valorizzando soprattutto le potenzialità di attrazione turistica ed il reciproco patrimonio culturale, pensiamo alla tradizione del ricamo per esempio di cui la nostra città è un punto di riferimento, ma anche quello di sviluppare significativi contatti economici per le imprese del nostro territorio. La nostra intenzione è aprirci – spiega ancora Mallegni – a nuovi orizzonti culturali e commerciali andando ad intercettare quelle realtà economiche che in espansione sia in Africa che nel Medio Oriente. Con Hammamet ci avviciniamo all’Africa e a quel progetto di invasione pacifica che sarà inevitabile nel futuro. Noi vogliamo arrivarci prima di altri come comunità locale”. Non è l’unica decisione presa dalla giunta di Alberto Stefano Giovannetti in merito di relazioni internazionali.

L’ultima seduta ha infatti licenziato anche il protocollo d’intesa con la città di Mougins, in Costa Azzurra, che “esporterà” a Pietrasanta, il prossimo settembre, il celebre Festival dell’Alta Gastronomia mentre la Piccola Atene si impegnerà ad “esportare” esposizioni e mostre in Francia. “Lavoriamo su più fronti – conclude Mallegni – nell’unico interesse di promuovere e comunicare la nostra terra e la Versilia. Un’attività che sarà fortemente collegata ad una presenza sui nuovi media molto forte nei prossimi anni per coinvolgere nuovi flussi e nuovi investimenti”.