Gemellaggi: Grenzach-Wyhlen applaude il Coro Versilia, la Haus der Begegnung in piedi per “La Montanara”

Stampa, 9 apr 14:37 ·
Vai a:   articolo principale       

Grenzach-Wyhlen applaude il Coro Versilia nell'anno del 45esimo anniversario dalla sua formazione. Festeggiamenti “in trasferta” per il coro cittadino con la partecipazione al concerto annuale del coro tedesco Singgemeinschaft che si è tenuto la scorsa settimana nella prestigiosa Haus der Begegnung. L'evento ha rafforzato una storica amicizia musicale, nata ben prima del gemellaggio tra le due città, tra i due cori diretti da Livio Viviani e Wilma Quadrelli e da Katharina Haag.

A ricordarlo è il Presidente del Comitato Gemellaggi, Daniela Zalcetti che ha inserito questo appuntamento nel sostanzioso programma di attività tra le città gemellate. “E’ stato il nostro coro ad aprire la strada a questo gemellaggio. Le relazioni tra le nostre comunità sono molto forti e sono sempre gradevoli. C’è grande sintonia e collaborazione. Senza quella prima scintilla musicale oggi le nostre città sarebbero molto più lontane ed invece sono l’una una frazione dell’altra”.

In scaletta i canti delle montagne, autentici e malinconici. Le potenti le voci hanno emozionato il pubblico con storie arcaiche di pastori, di natura e di bellezza del territorio, marcando il dolore della guerra e dell'emigrazione. Momento di stupore ed entusiasmo quando i nostri concittadini si sono cimentati in un testo in tedesco, generando l'ovazione della sala. Il gemellaggio musicale è proseguito con l'esibizione del coro Singgemeinschaft e si è concluso tra gli applausi con una esibizione congiunta sulle note della tanto amata “La Montanara” di Toni Ortelli.

“Il Coro Versilia – spiega Francesca Bresciani, Assessore ai Gemellaggi – è da tanti anni ambasciatore della bellezza del nostro territorio attraverso, progetti di condivisione artistica e musicale. Sono entusiasta del calore che hanno ricevuto i nostri concittadini, accolti a braccia aperte dagli amici tedeschi, rispettati ed apprezzati come veri professionisti”.