Musei: “Amico Museo” a Palazzo Panichi, conferenza su Antonio Bozzano e visita guidata ai gessi dei monumenti

Stampa, 9 mag 10:08 ·
Vai a:   articolo principale       

Il linguaggio figurativo di Antonio Bozzano, lo scultore insegnante che ha formato generazioni di artisti a Pietrasanta, raccontato dallo storico d'arte Riccardo Mazzoni. “Antonio Bozzano. La scultura e il magistero dell'insegnamento” è il titolo del primo appuntamento di “Amico Museo”, la rassegna di eventi nei musei civici di Pietrasanta promossi dall’amministrazione di Alberto Stefano Giovanetti e dal Museo dei Bozzetti.

Si parte sabato 11 maggio (alle ore 17.00) a Palazzo Panichi, sede delle mostre temporanee del Museo dei Bozzetti che ospita la rassegna “Storie di gesso” con una conferenza dello storico dell'arte Riccardo Mazzoni, ricercatore, scrittore e regista viareggino, sul linguaggio artistico di Antonio Bozzano, scultore ed insegnante, della sua produzione artistiche e dei suoi ritratti, messi a confronto con artisti di generazioni successive. A seguire visita guidata alla sala dei monumenti celebrativi della mostra “Storie di Gesso”, ora in esposizione, ed aperitivo offerto dalla nipote e donatrice dei bozzetti di Bozzano, Cinzia Bibolotti. Riccardo Mazzoni con i suoi editoriali, adattati anche come testi di studio in ambito universitario, spazia dalla storia dell'arte a quella del cinema, passando per il teatro ed il folklore europeo. Ha curato eventi didattici, mostre, corsi, narrazioni e seminari; per il Ministero dei Beni culturali ha condotto campagne di catalogazione del patrimonio scultoreo e architettonico dei cimiteri monumentali '800eschi della Toscana settentrionale, un'opera di storicizzazione della lavorazione artistica del marmo nel territorio apuo-versiliese a cavallo tra l'ottocento e novecento. Ha fondato “Il Teatrino dei Bisogni”, un laboratorio di creazioni interdisciplinare. Nella sua raccolta poetica “L'immaginario affettivo” esprime il suo universo poetico, che si esprime nell'idea di “scrittura come partitura”.

Antonio Bozzano (1858-1939), originario di Genova, insegnò per ben 35 anni alla Scuola d'Arte “Stagio Stagi” di Pietrasanta, formando intere generazioni di artisti e artigiani del marmo. In parallelo all'attività didattica, ebbe numerose commissioni pubbliche, ad esempio il busto di Giosuè Carducci nella casa natale di Valdicastello e i monumento parietali a Giordano Bruno, Cesare Battisti, Angelo e Adele Bertozzi., e private, con modelli da parte dei laboratori pietrasantini Ferdinando Palla e Martino Barsanti. Per la committenza ecclesiastica elaborò il suggestivo pulpito pr la chiesa di Corsanico, con elementi decorativi di taglio modernista. Ma è nella produzione funeraria che raggiunse esiti di maggior valenza artistica, dal cimitero genovese di Staglieno, quello di Pietrasanta e di Viareggio, un vero e proprio museo personale a cielo aperto; sedici opere accertate, sparse lungo i viali all’aperto, umane ed eleganti di stile liberty, costituiscono la cifra espressiva più matura della sua arte.

Non solo conferenze; esposizioni, mostre, omaggi e celebrazioni sono i prossimi gli eventi in programma per la XVIII edizione di “Amico Museo” , l'iniziativa della Regione Toscana che riunisce i Musei della Regione Toscana., tra il 11 maggio e il 2 giugno, filo conduttore “Il museo creativo: dalla tradizione al futuro”.

Si continua con “L'evoluzione di una grande idea” l'apertura straordinaria del Museo Padre Eugenio Barsanti, l'inventore del motore a scoppio in agenda sabato 18 maggio dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00. I visitatori potranno partecipare alle visite guidate gratuite in programma (alle ore 11.00 e 17.00) e ammirare in Piazza Duomo le auto ed accessori Bosch in mostra temporanea per la 19esima edizione del Premio Barsanti e Matteucci. Storia e innovazione sono invece al centro della conferenza “Bianco etrusco. Il marmo tra storia e tradizione” in programma sabato 25 maggio alle ore 17.00 a cura dell'archeologo Francesco Ghizzani, presso il Museo Archeologico Versiliese. Si parlerà di marmo, della sua lavorazione nell'antico territorio apuo-versiliese e dell'innovazione robotica applicata al marmo con l'artigiano Nicola Stagetti, del laboratorio Marble Studio Stagetti di Pietrasanta. A concludere il ciclo di eventi l’“Omaggio al poeta. Canto e Arte a Casa Carducci”, musica e arte per il sommo poeta di Valdicastello. Il poeta e cittadino illustre è naturalmente Giosuè Carducci. In menu, nel pomeriggio di sabato 1 giugno (ore 16.30), l’esibizione della Corale di Santa Felicita di Valdicastello. A seguire verrà inaugurata la mostra “Il Verso dell'Arte” di Michele Bertellotti, artista contemporaneo che mostrerà, per la prima volta, le sue opere all'interno delle stanze della Casa Natale del Poeta.

Per informazioni Centro Culturale “Luigi Russo” 0585 795500, www.museodeibozzetti.it