Beni Culturali: Rocca di Sala, comune a caccia finanziamenti per rendere accessibile sito

Stampa, 10 mag 14:37 ·
Vai a:   articolo principale       

L’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti a caccia di finanziamenti per dare continuità al progetto di restauro della Rocca di Sala. Il primo aiuto potrebbe arrivare dal bando regionale sulle “Città Murate” che finanzia interventi di valorizzazione delle mura storiche ma anche degli edifici in esse inglobati, come torri, rocche e castelli. Bando a cui l’amministrazione comunale parteciperà (scadenza 20 giugno) con l’obiettivo di intercettare una parte delle risorse economiche necessarie per rendere accessibile la “salita” al sito della Rocca. Il primo obiettivo è infatti quello di rendere più agevole e sicuro il tragitto dal centro storico alla terrazza panoramica.

Il vertice in Municipio tra il Sindaco, Giovannetti ed i tecnici, tra cui l’architetto Giuseppe De Leo che aveva già seguito la messa in sicurezza di Palazzo Guinigi e delle mura della Rocca, ha consentito di pianificare un percorso che porterà alla stesura di un progetto complessivo di recupero e valorizzazione dell’intero sito della Rocca di Sala ma suddivisibile a lotti funzionali. Complessivamente, per il recupero e restauro della Rocca, serviranno circa 10 milioni di euro. In tre anni sono stati già investiti, per i lavori di restauro e consolidamento della cinta muraria e per la messa in sicurezza di Palazzo Guinigi, 500mila euro. “Il recupero della Rocca sarà un lavoro paziente e lungo che richiederà ingenti risorse. L’amministrazione farà la sua parte anche dal punto di vista finanziario compartecipando ai vari finanziamenti. – spiega Giovannetti che ha più volte visitato il sito insieme ai tecnici – Il progetto sarà frazionabile in più lotti per permetterci di partecipare a più bandi per finanziare i singoli interventi se non riusciremo a trovare un maxi finanziamento. Vogliamo sfruttare ogni occasione e possibilità regionale, nazione ed internazionale”.

I prossimi interventi riguarderanno le mura. Un intervento spettacolare perché avverrà tramite personale specializzato che si calerà con delle funi lungo le mura: “saranno ripulite dalla vegetazione infestante le mura sul lato Massa – spiega ancora – che torneranno ad essere visibili in tutta la loro bellezza dopo tantissimi anni. Effettueremo anche nuovi rilievi con un drone che ci fornirà rilievi in 3D per consentirci di elaborare una progettazione ancora più puntuale e precisa”.

Giovannetti prosegue: “Gli ultimi interventi, conclusi alcuni mesi fa, ci hanno permesso di salvare lo storico edificio di Palazzo Guinigi: oggi è in sicurezza. La creazione della terrazza panoramica e la pulizia dei terrazzamenti ha reso questo spazio interessante e vissuto da turisti e cittadini. Aprire le porte della Rocca, renderla pienamente fruibile è uno dei grandi obiettivi della nostra amministrazione. Questo è uno spazio unico – conclude il primo cittadino - che non ha eguali sulla nostra costa e che può rappresentare, nella nostra visione del futuro, un nuovo punto di attrazione turistico e culturale incredibile. Gli interventi che abbiamo eseguito fino ad oggi sono propedeutici a preparare la Rocca al restauro conservativo e finalmente riconsegnare così alla comunità e ai turisti uno dei suoi simboli più amati”.