Disabili: Versiliana accessibile anche ai non vedenti, sarà prima passeggiata speciale della Versilia

Stampa, 14 mag 15:59 ·
Vai a:   articolo principale       

La Versiliana di Marina di Pietrasanta da scoprire anche ad occhi chiusi. Il parco, tanto amato da Gabriele d’Annunzio e tornato ad essere un punto di riferimento per famiglie e sportivi dopo il 5 marzo e il delicato e paziente progetto di riforestazione, sarà accessibile e fruibile anche ai non vedenti. Sarà il primo parco in Versilia (il secondo in provincia di Lucca) dove i non vedenti potranno muoversi in completa autonomia e godere dei profumi, dei suoni e della tranquillità della natura circostante.

Ci sta lavorando l’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti che aveva inserito il percorso per non vedenti nel suo programma di mandato insieme alla Consulta del Volontariato presieduta da Andrea Galeotti, all’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti e alla Uildm. Il percorso sarà lungo almeno 1,5 chilometri e sarà segnalato attraverso speciali segnalatori a terra che consentiranno di muoversi liberamente con il solo bastone da orientamento. Il sopralluogo, a cui ha partecipato il Presidente dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, Massimo Diodati e la consigliera della stessa associazione, Susanna Checchi insieme all’istruttore di orientamento e mobilità del centro di riabilitazione C. Monti dell’Ospedale Careggi, Laura Corsi e Bruno Betti della Uildm, ha consentito di iniziare la elaborazione di un percorso dentro ed attraverso una parte del bosco seguendo la naturale conformazione dei vialetti utilizzati ogni giorno da sportivi e cittadini.

“Stiamo portando avanti diversi progetti – spiega l’assessore all’associazionismo, Andrea Cosci – insieme alla Consulta del Volontariato, associazioni e enti per abbattere le barriere architettoniche fisiche e mentali che oggi sono presenti nella nostra città e nella nostra comunità. Questo è un progetto a cui teniamo particolarmente perché è maturato dalla necessità di garantire anche ai non vedenti ed ipovedenti la possibilità di fruire pienamente del nostro parco. Insieme al mare, grazie al progetto delle sedie speciali di cui si doteranno gli stabilimenti balneari, renderemo accessibile anche una parte bella ed importante della nostra pineta”. Sono almeno un migliaio, nella sola provincia di Lucca, i non vedenti ed ipovedenti. 300 quelli iscritti alla sola Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti.