Ambiente: spiaggia plastic free a Pietrasanta, protocollo Comune-Ersu-Balneari

Stampa, 3 giu 13:58 ·
Vai a:   articolo principale       

Via la plastica monouso dalle spiagge di Marina di Pietrasanta. In 107 stabilimenti balneari sarà sostituita dal compostabile, l’acqua sarà filtrata e servita in borracce così come saranno posizionati appositi bidoni per conferire il biodegradabile. Una task force formata da Comune di Pietrasanta, Ersu e Consorzio Mare Versilia pronta ad accendere la rivoluzione partendo dalla spiaggia.

Dopo l’ordinanza per vietare in feste pubbliche e sagre l’utilizzo di materiali non riciclabili ma anche negli uffici comunali (i distributori automatici dovranno erogare solo bicchieri e palettine in materiale biodegradabile e compostabile), Comune di Pietrasanta, Ersu e Consorzio Mare Versilia hanno fatto un altro considerevole passo in avanti per tutelare le spiagge, i nostri mari e l’ambiente: abolire l’uso di cannucce, bicchieri e materiali di plastica che saranno sostituite da materiali biodegradabili. Il protocollo, che rappresenta una vera e propria dichiarazione di guerra all’utilizzo della plastica, è stato firmato nella sala del consiglio comunale dal Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti, dal Presidente di Ersu, Alberto Ramacciotti e dal Presidente del Consorzio Mare Versilia, Francesco Verona. Al loro fiano Elisa Bartoli, vice sindaco ed assessore all’ambiente che ha promosso il protocollo, il Direttore di Ersu, Walter Bresciani Gatti, il funzionario dell’ufficio ambiente, Giuliano Guicciardi ed il consigliere comunale, Antonio Tognini. Il protocollo non è solo un impegno tra pubblico e privato a dare l’esempio con azioni concrete ma sarà connesso ad una campagna di comunicazione ed informazione rivolta ai cittadini e turisti.

“Queste devono essere le battaglie di una comunità, e non solo di una categoria o associazione. – ha detto il Sindaco, Giovannetti – Siamo impegnati in prima linea per raggiungere un obiettivo che oggi sembra molto più grande di noi ma che è indispensabile per la sopravvivenza. Siamo noi i principali elementi di inquinamento con le nostre azioni e la nostra pigrizia. Con questo protocollo inizia un percorso che dovrà coinvolgere tutti”. Ha parlato di protocollo educativo l’assessore all’ambiente Bartoli: “Prima cambiamo la nostra mentalità – ha detto – e prima raggiungeremo il nostro obiettivo. Serve uno sforzo collettivo che impegni tutto il territorio. L’auspicio è che questo protocollo si allarghi presto ad altre realtà”. “E’ un passo importante, ma solo il primo. – ha detto il Presidente di Ersu – Le sinergie premiano e la comunicazione, in questo senso, è molto importante così come l’informazione”. I balneari saranno impegnati in prima linea: “Abbiamo contattato, come Consorzio, diverse aziende che forniscono materiali compostabile per indirizzare i concessionari verso questa rivoluzione. Posizioneremo i bidoni e le locandine. Per cercare di sostituire progressivamente le bottigliette d’acqua useremo acqua filtrata mettendo a disposizione della clientela delle borracce. Le nostre spiaggia quest’anno saranno libere dalla plastica ed anche accessibili grazie al progetto delle sedie per disabili”.