Mostre: STAGismi d’Avanguardia nella Sala delle Grasce, gli alunni del Liceo Stagi rendono omaggio alla grande arte del '900

Stampa, 5 giu 14:35 ·
Vai a:   articolo principale       

I grandi capolavori del '900 e una performance inaugurale per creare un'opera artistica condivisa. Si inaugura così “STAGismi D'AVANGUARDIA”, il nuovo allestimento della Sala delle Grasce. Gli artisti, in questo caso, sono i giovani studenti del triennio del Liceo Artisitico Stagio Stagi di Pietrasanta.

In mostra tutti gli elaborati eseguiti durante l'anno scolastico con opere di pittura, scultura, grafica e architettura. L'evento, organizzata dal Comune di Pietrasanta, è aperta al pubblico fino a domenica 23 giugno (dal martedì alla domenica dalle 17.00 alle 20.00). L'ingresso è libero. L'inaugurazione è in programma sabato 8 giugno alle ore 10.00 nella Sala delle Grasce, presso il Centro Culturale “Luigi Russo” di Pietrasanta alla presenza del Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti, del Senatore Massimo Mallegni, Assessore ai Beni e alle Attività Culturali e del Dirigente Scolastico, Mirella Bertagna.

Tema della collettiva sono le Avanguardie artistiche del '900. L'esposizione si propone come una reinterpretazione dei temi delle Avanguardie o di singole opere di alcuni degli esponenti maggiori. Le opere, figurative, tridimensionali, anche in marmo, sono lo specchio della gioiosa creatività degli studenti del liceo pietrasantino, molti dei quali giunti quest'anno al termine del loro percorso scolastico. La mostra è a curata della coordinatrice del dipartimento artistico, la Prof.ssa Stefania Grillo, e dal docente Claudio Tomei. Alla presentazione della mostra, gli alunni delle classi seconde performeranno nella splendida cornice del Chiostro di S. Agostino. La performance dal titolo “Ordine nel disOrdine”, è un gioco di parole, suoni e movimenti, con protagonista assoluto il colore. Gl studenti si metteranno in gioco per creare un'opera condivisa; vestiti di un solo colore, scalzi, depositeranno, a turno, sul suolo erboso del Chiostro, il proprio contributo di colore, un elaborato di carta da loro modulato, poi aspettando e osservando gli altri compagni fare la medesima azione. Al termine della performance i contributi a posti a terra verranno donati a tutti gli spettatori come segno di buon auspicio. Dal disordine degli elementi, depositati caoticamente, si arriverà all'ordine delle cose, la realizzazione di un'opera unica e condivisa. La performance è diretta dalla Prof.ssa Deborah Tacconi e dalla Prof.ssa Vanna Giorgetti.