Prevenzione: nuovi interventi su fossi e canali, al via interventi anti-allagamento in via Olmi

Stampa, 6 giu 14:29 ·
Vai a:   articolo principale       

Oltre 100 mila euro di interventi di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico su fossi e canali speso in un anno. L’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti investe sulla sicurezza idrica ed idraulica del territorio per salvaguardare cittadini ed imprese dal pericolo di allagamenti e bombe d’acqua. Azioni che hanno scongiurato quando il maltempo si è abbattuto sulla costa con forza e spesso imprevedibilità, di mitigare i disagi per la comunità e di garantire la piena funzionalità del reticolo idrico minore.

Nei prossimi giorni partirà un altra importantissima attività per ripristinare la funzionalità idraulica del fosso di via Olmi propedeutica ad evitare nuovi allagamenti ed interdizioni al traffico nell’area compresa tra via Pisanica, via Olmi e via Bugneta. Si tratta di un intervento straordinario che consentirà di realizzare un traversante di dimensioni adeguate ai volumi delle acque meteoriche che transitano nel fosso di via Olmi in direzione mare.

“Prevenzione e lotta al dissesto idrogeologico sono uno dei punti cardine del nostro impegno elettorale – spiega Francesca Bresciani, Assessore ai Lavori Pubblici – che stiamo portando avanti a step funzionali e con un programma chiaro per risolvere quelle che sono le criticità, alcune storiche, presenti sul territorio. Non basta pulire i canali ed i fossi, è necessario migliorare la qualità del deflusso delle acque piovane rimuovendo quegli elementi che causano gli allagamenti o mettono la città in pericolo. E’ stato fatto sino a qui un lavoro importante e per questo ringrazio Stefano Taccola che coordina queste attività. A fianco del nostro lavoro c’è poi quello che stiamo coordinando anche con il Consorzio di Bonifica sui grandi canali e l’attività su frane e smottamenti che ci ha tenuto impegnati per mesi”.

L’obiettivo quotidiano dell’amministrazione comunale è “curare” il territorio per evitare che si ribelli. Numerosi gli interventi preventivi eseguiti utilizzando anche mezzi meccanici, come nel caso del tratto del canale di servizio tra via Tonfano, via Ficalucci e via del Sale fino all’altezza dell’area del 167 (Biscione Verde), il canale del 115 (tra via del Lago e la linea ferroviaria) ed il piccolo canale di via Cava a Ponterosso, ed ancora il fosso dei Frati, Fosso dei Salesiani e Fosso Accademia. Interventi più consistenti hanno interessato il fosso di guardia di via Pisanica che è stata al centro anche della ricalibratura dei due fossi nel versante della A12, via Setteponti, via Sarzanese in località Pontaranci, via Marella. “Stiamo garantendo una discreta continuità e tempestività alle operazioni di pulizia e ricalibratura dei canali – analizza la Bresciani – a fianco di quella che è la straordinarietà e l’urgenza che abbiamo applicato per esempio nel caso delle frane di Valdicastello e Strettoia”. Buone notizie anche sul fronte del secondo lotto della frana di Capriglia: “siamo pronti per partire – conclude – entro l’estate anche con questo secondo importantissimo intervento”.