Arte: la ragazza sull’altalena di Daphné Du Barry torna a casa, la leggerezza del bronzo in esposizione tra Piazza Statuto e via Mazzini

Vai a:   articolo principale       

Pietrasanta dondola, vola, svolazza con la strada delle altalene colorate, sempre più fenomeno social, e con la scultura in bronzo dell’artista franco olandese Daphné Du Barry che dopo aver girato il mondo è tornata a casa, nella sua Pietrasanta, per essere nuovamente protagonista nel centro storico fino a settembre.

La scultura, posizionata lungo la passeggiata che collega Piazza Statuto a via Mazzini, è stata esposta alla fiera d’arte d’Europa, la Tefaf di Maastricht in Olanda. Realizzata dalla Fonderia Mariani, l’opera della Du Barry (la modella da cui ha preso spunto è una pietrasantina) è un omaggio alla città e all’installazione artistica collettiva che ha come obiettivo quello di raccogliere, attraverso la personalizzazione di ogni singola altalena con dediche, fondi da destinare alle attività della Consulta del Volontariato. Apprezzatissima in tutto il mondo per la sua arte, la Du Barry è un testimonial internazionale di Pietrasanta. Ha realizzato, tra i tanti suoi lavori, opere per la principessa Grace, per il Principe Ranieri e per Alberto di Monaco. Sono ben quindici i monumenti da lei realizzati che troviamo in molte città come “Il Battesimo di Clodoveo” inaugurato da Giovanni Paolo II nel 1996 a Reims in occasione della commemorazione dei 1.500 anni del battesimo di Clodoveo che ha riunita la Francia cattolica, “San Giovanni Battista” a Malta, “Regina Beatrice d’Olanda” 2001 a Rheden, “Biagio di Monluc” a Siena, “Luigi Boccherini” a Lucca. Tra i riconoscimenti che ha ottenuto il Premio Rinascimento delle Arti, ricevuto a Parigi nel 1997 e Dama dell’Ordine di San Silvestro e Commendatore dell’ordine di San Gregorio Magno.

“Ringrazio Daphné per il dono che ha fatto alla nostra città. Questa scultura – ha detto il Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – L’altalena è richiestissima ma Pietrasanta ha avuto la precedenza su tutti e tutto. E’ un dono che richiama lo spirito leggero e sognante dell’installazione artistica che sarà protagonista nel centro storico, a Tonfano e nelle frazioni”.