Abusivismo: lotta alla contraffazione, nascondevano merce contraffatta nella vegetazione

Stampa, 13 lug 15:00 ·
Vai a:   articolo principale       

Avevano nascosto borse, cinture, occhiali, maglie e giocattoli tra alberi e vegetazione in sul lungomare attesa di proporla sulla spiaggia ai turisti durante il weekend. I nascondigli, in tutto quattro, sono però stati indentificati dagli agenti della Polizia Municipale del Comune di Pietrasanta che ha messo così a segno il primo maxi-sequestro della stagione. Continua a dare risultati la strategia messa in campo dal Comune di Pietrasanta attraverso la Municipale coordinata dal Comandante, Giovanni Fiori, per contrastare l’abusivismo commerciale e la vendita in spiaggia. Niente inseguimenti in spiaggia potenzialmente pericolosa sia gli agenti che i bagnanti ma una paziente attività di controllo ed intelligence sul territorio per scovare nascondigli e magazzini da dove la merce proviene. Lo scorso anno, in appena due mesi, furono sequestrati 23mila pezzi per un valore commerciale di oltre 100mila euro. E più precisamente: 1567 sono gli articoli con marchio contraffatto sottoposti sequestro giudiziario, 1218 quelli di varia natura trovati nei nascondigli tra passi a mare ed aree demaniali. 93 sono invece i chilogrammi di bigiotteria rinvenuta.

“Grazie a quell’attività – ricorda Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – abbiamo fornito elementi decisivi per individuare un magazzino nel pisano che riforniva i venditori abusivi. E’ un’attività che è stata apprezzata anche dal nuovo Prefetto di Lucca. Ma dobbiamo intercettare i venditori abusivi e la merce prima che arrivi in spiaggia: alla fonte o nei canali di scambio. E questa deve essere un’attività coordinata. L’ultima attività ha portato al sequestro di 178 articoli contraffatti. E’ una goccia nel mare di abusivismo che imperversa su tutte le spiagge toscane e che dobbiamo contrastare perché danneggiano le imprese regolari, che pagano le tasse e rispettano le regole. Faremo tutto quello che un comune può fare per arginare questo fenomeno”.

Nei nascondigli la Municipale ha trovato complessivamente 178 articoli dei quali 86 di pelletteria (borse, borselli, cinture, ecc), 78 occhiali, 9 foulard ed una maglia. Su tutti sono impressi i marchi registrati di note case di moda. Nel bottino anche 40 giocattoli di vario tipo.