Artigianato: guru indiano in città per scultura monumentale capostipite, delegazione da tutto il mondo per presentazione ufficiale

Stampa, 19 lug 14:20 ·
Vai a:   articolo principale       

E’ arrivato in città il guru indiano Trustee per seguire da vicino la realizzazione della scultura monumentale in marmo di Carrara di quasi 4 metri del santo Yogiraj Sarkar Godariwale Ji commissionata attraverso un contest internazionale allo Studio Stagetti. Il guru, succeduto al fondatore del culto indiano venerato da milioni di fedeli, è arrivato accompagnato da una delegazione di seguaci provenienti da mezzo mondo. La delegazione parteciperà alla presentazione ufficiale della scultura in programma sabato 20 luglio (ore 12.00) nella Sala del Consiglio Comunale in Piazza Matteotti alla presenza del Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti e l’Assessore ai Beni, alle Attività Culturali e al Turismo, Massimo Mallegni. L’opera che i suoi seguaci hanno chiamato “Pramashwar – The Infinite” sarà installata nel nuovo tempio in fase di costruzione a trenta chilometri dal Taj Mahal.

“Pietrasanta è leader a livello mondiale per la lavorazione del marmo e del bronzo – spiega il primo cittadino Giovannetti – ma per alimentare questo suo primato c’è anche bisogno di esaltare le grandi e prestigiose opere che i nostri laboratori, attraverso l’esperienza dei nostri artigiani ed artisti, creano con assoluta naturalezza. Ogni giorno dai laboratori di Pietrasanta escono pezzi unico che finiscono in ogni parte del mondo, in case ed in piazze, in gallerie e collezioni: ciascuna di queste opere contribuisce a promuovere la nostra cultura e la nostra identità, a sviluppare quell’indotto legato al marmo e al bronzo, alla scultura e all’arte, che fa di oggi Pietrasanta un centro a livello mondiale. Siamo molto orgogliosi che sia stato un laboratorio di Pietrasanta a vincere il contest per realizzare questa scultura mastodontica che andrà a raccontare Pietrasanta e la nostra terra in modo permanente nel contesto del nuovo tempio”.

Lo studio Stagetti aveva partecipato, insieme ad altri 25 studi artistici, ad un contest internazionale a cui si partecipava riproducendo il volto del guru partendo da una foto centenaria della divinità umana. Per l’occasione saranno proiettate fotografie ed illustrato il progetto del tempio.