Medicina: al via la prima edizione del Premio Scaglietti - Dini, Pietrasanta promuove giovani medici

Stampa, 24 lug 13:32 ·
Vai a:   articolo principale       

Un nuovo Premio si affaccia sulla scena cittadina tra gli eventi culturali. Si tratta del Premio Scaglietti-Dini che il Comune di Pietrasanta, su iniziativa di Fernando Colao, chirurgo ortopedico di fama della Scuola Ortopedica di Firenze, ha istituito, in memoria di Oscar Scaglietti e Piero Dini, insigni professori universitari della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Firenze, riservandolo a laureandi e laureati in medicina e chirurgia che abbiano orientato la propria formazione professionale verso la branca chirurgico-ortopedica o di ortopedia clinica.

“Il Premio - afferma l'assessore ai beni, attività culturali e turismo, senatore Massimo Mallegni - si propone di spingere le risorse scientifiche giovanili a restare sul territorio toscano, trovando nella tradizione della Scuola Ortopedica Fiorentina un valido e consolidato stimolo, ma anche di riaffermare, tra i suoi obiettivi, la salute e la qualità della vita dei cittadini”.

Qual è il legame di Pietrasanta con questo Premio? La città ha ospitato per molti anni presso l'ospedale civile Lucchesi una costola della Scuola Ortopedica Fiorentina con importanti primari, tra i quali si ricordino il dottor Panichi e il professor Palego.

Possono presentare domanda di partecipazione i laureati e i laureandi ai corsi di laurea in medicina e chirurgia di tutte le università italiane, che non abbiano compiuto i 35 anni al 31.12.2019 e che abbiano già orientato la propria formazione professionale, o intendano farlo, verso la branca di ortopedia sia essa chirurgica ortopedica o clinica. I candidati, a corredo della domanda di partecipazione da compilare secondo le indicazioni contenute nel bando e consultabili anche sul sito istituzionale del Comune di Pietrasanta (per informazioni: istituti.culturali@comune.pietrasanta.lu.it - tel. 0584 795278), dovranno inviare un elaborato scientifico di argomento attinente alla branca di riferimento del Premio, senza limitazioni alle aree di trattazione. I candidati dovranno inoltre produrre: curriculum vitae, copia del certificato di laurea o di iscrizione all’Università per i laureandi, copia di un documento di identità in corso di validità, autorizzazione liberatoria relativa alla presentazione dell'elaborato inviato in ambito scientifico. Le domande di partecipazione, correttamente compilate, corredate dall’elaborato scientifico e da tutta la documentazione richiesta, dovranno pervenire alla Segreteria del Premio inderogabilmente entro e non oltre le ore 13.00 del 30 ottobre 2019. A giudicare gli elaborati sarà un comitato scientifico, composta dal sindaco Alberto Giovannetti, presidente onorario, da Fernando Colao, presidente del comitato scientifico, da tre esperti e docenti universitari in materia attinente l’ortopedia e la traumatologia, la fisiatria e la psicologia clinica. Al candidato vincitore andranno 1.500 euro e, soprattutto, la possibilità di frequentare un corso di formazione di 300 ore in sala operatoria chirurgico-ortopedica di cliniche od ospedali, con la possibilità di assistere a pratiche chirurgiche e cliniche ortopediche. Le selezioni si svolgeranno entro il mese di novembre 2019 mentre la premiazione si terrà a dicembre, con una cerimonia nel Chiostro di Sant'Agostino, alla presenza del vincitore e di tutti i candidati.