Sicurezza: strade più sicure, in un anno calano incidenti (-5%), feriti (-11%) e mortali (-75%)

Stampa, 6 ago 14:08 ·
Vai a:   articolo principale       

Strade più sicure a Pietrasanta. Sono calati i sinistri, gli incidenti con feriti ed i sinistri mortali. Le misure anti-velocità, anche con l’ausilio di velox ed altri dissuasori, semafori alternati, safety cross, dossi ed attraversamenti pedonali, controlli quotidiani su strada della Municipale, le numerose modifiche alla viabilità cittadina nei tratti più pericolosi e ad alta intensità collegate anche ad interventi di messa in sicurezza del manto e alla segnaletica messe in campo dall’amministrazione di Alberto Stefano Giovannetti stanno iniziando a dare i primi frutti. Secondo una statistica elaborata dalla Polizia Municipale del Comune di Pietrasanta coordinato dal comandante Giovanni Fiori il trend è positivo anche nei primi sei mesi del 2019.

“I dati ci dicono – spiega Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – che le tante misure che abbiamo attivato hanno abbassato la percentuale di rischio incidenti nelle nostre strade e che questi incidenti, se si sono verificati, non hanno generato feriti. Strumenti come l’autovelox lungo la via Aurelia, misura sicuramente molto invasive e inizialmente poco comprese dai cittadini e, per esempio, le sostanziali modifiche in via Tremaiola, a Motrone, hanno ridotto il pericolo di conflitti tra mezzi in tratti storicamente ad alto rischio. Da settembre ad oggi, data in cui è stato attivato il velox lungo la via Aurelia, non ci sono stati più incidenti legati alla velocità o alla collisione di mezzi in prossimità delle strade di collegamento, e così a Motrone dove la modifica all’accesso in via Tremaiola sta dando risultati migliori rispetto a quelli che ci aspettavamo. Azzerare gli incidenti stradali è l’obiettivo più ambizioso, ma già ridurre il rischio di conflitti ed incidenti sulle nostre strade è un risultato straordinario. E’ impossibile evitare i sinistri ma agendo, per esempio, sulla leva della riduzione della velocità possiamo evitare conseguenze ben più gravi a conducenti e pedoni. Attiveremo tutte le misure, anche impopolari se necessario, per migliorare la sicurezza delle nostre strade e la sicurezza dei nostri cittadini”. Tra il 2017 ed il 2018, per esempio, gli incidenti sono calati del 5% (da 297 a 282), gli incidenti con feriti dell’11% (da 164 a 145) mentre quelli senza feriti, quindi che si sono conclusi senza il ricorso alle cure, sono aumentati del 7% (da 126 a 135). Ma dal 2017 al 2018 si sono ridotti anche i sinistri mortali: da 4 ad 1 (-75%).

Nei primi sei mesi del 2019 i sinistri sono stati complessivamente 125 (nel 2018 erano stati nel complesso 282) ragione per cui è ipotizzabile un ulteriore miglioramento del trend. “Diverse misure – conclude Cosci – sono entrate in vigore solo da alcuni mesi come il passaggio pedonale in via Strettoia, gli attraversamenti pedonali rialzati di via Torraccia – via Fossetto e sarà interessante capire, al giro di boa, se hanno funzionato e come eventualmente intervenire per mitigare i rischi stradali e tutelare gli utenti deboli come pedoni e velocipiedi. Altre misure sono in arrivo per esempio lungo la via Provinciale Vallecchia ed altre arterie cittadine dove i cittadini si aspettano risposte. Risposte che continueremo a dare giorno dopo giorno”.