Abusivismo: lotta alla contraffazione, sequestrati 40.000 euro di bigiotteria

Stampa, 23 ago 12:43 ·
Vai a:   articolo principale       

E’ il secondo sequestro di bigiotteria più grande mai messo a segno a Pietrasanta dopo quello dello scorso anno. Nuovo blitz “invisibile” della Polizia Municipale lungo la costa di Marina di Pietrasanta che ha portato al ritrovamento in nascondiglio mimetizzato nella vegetazione di 60 chilogrammi di bigiotteria destinati ai bagnanti. Nel nascondiglio la Polizia Municipale ha trovato un vero e proprio bazar di monili, collane, braccialetti, orecchini ed anelli di particolare pregio per circa 4.000 pezzi ed un valore stimato di circa 40mila euro. Continua a dare risultati straordinari la strategia messa in campo dall’amministrazione di Alberto Stefano Giovannetti attraverso la Municipale coordinata dal Comandante, Giovanni Fiori, per contrastare l’abusivismo commerciale e la vendita in spiaggia. Niente inseguimenti in spiaggia potenzialmente pericolosa sia gli agenti che i bagnanti ma una paziente attività di controllo ed intelligence sul territorio per scovare nascondigli e magazzini da dove la merce proviene. Lo scorso anno, in appena due mesi, furono sequestrati 23mila pezzi per un valore commerciale di oltre 100mila euro. E più precisamente: 1567 sono gli articoli con marchio contraffatto sottoposti sequestro giudiziario, 1218 quelli di varia natura trovati nei nascondigli tra passi a mare ed aree demaniali. 93 sono invece i chilogrammi di bigiotteria rinvenuta. Nei nascondigli la Municipale ha trovato insieme alla bigiotteria anche 26 capi tra abbigliamento, pelletteria ed occhiali.

“La presenza dei venditori abusivi – ricorda Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – è sensibilmente diminuita in questa estate. Il passa parola tra i venditori e l’attività coordinata con la Questura e la Prefettura delle scorse settimane alle fermate degli autobus hanno scoraggiato molti abusivi. L’attività della nostra Municipale, che ringrazio per il silenzioso lavoro che stanno facendo per contrastare la vendita illegale di prodotti sulla spiaggia e al mercato, sta dando buoni frutti. L’attività degli appostamenti è un’attività che richiede pazienza e prontezza nell’intervenire. Anche se siamo alla fine della stagione non abbassiamo la guardia e l’attività continuerà come da programma ogni giorno per trovare nascondigli e magazzini temporanei. La merce non deve arrivare sulla spiaggia”.