Cultura: Massimo Fini apre terza edizione Libropolis, dal 18 al 20 ottobre il Festival dell'Editoria e Giornalismo

Stampa, 15 ott 11:18 ·
Vai a:   articolo principale       

Sarà Massimo Fini con la sua “Storia reazionaria del calcio” (ed. Marsilio), scritta con Giancarlo Padovan ad aprire la terza edizione di Libropolis, il festival di editoria e giornalismo che venerdì 18 ottobre, alle 16, tornerà ad “abitare” per tre giorni nel meraviglioso Chiostro di Sant’Agostino.

L’antimodernista Fini e il notissimo giornalista sportivo Padovan presenteranno a Libropolis attraverso il mondo del pallone, i cambiamenti della società italiana. Dal calcio degli anni ’60, tutto tecnica e semplicità, a quello moderno, tutto Var e diritti televisivi: una riflessione tanto oggettiva quanto amara che dimostra come le divinità dominanti della nostra società siano Economia e Tecnologia e come tutto, a cominciare dall’Uomo, sia dato ad esse in sacrificio. Con un’altra grande anteprima in esclusiva, il pubblico italiano potrà incontrare domenica 20 ottobre alle 18.30 a Libropolis Alain de Benoist, uno dei più grandi filosofi contemporanei, con il suo ultimo libro “Critica del liberalismo. La società non è un mercato”. Il liberalismo, secondo de Benoist, è all’origine della mondializzazione che ha trasformato la Terra in un immenso mercato ed è ispiratore del ‘pensiero unico’, ideologia dominante caratterizzata dall’ossessione della crescita, del progresso, dall’individualismo e da logiche di mercato cui anche la sinistra, dimenticando le sue ragioni sociali, ha aderito. Di egemonia del potere finanziario e di dominio della realtà virtuale, in una parola della Lunga notte della democrazia si parlerà anche sabato 19 ottobre alle 16.30 con il sociologo Massimiliano Panarari e il filosofo Paolo Ercolani, autore del libro “Figli di un IO minore, dalla società aperta alla società ottusa” e della proposta di una “patente” per esercitare il diritto di voto, perché solo mettendo in discussione la democrazia la si può garantire. - Libropolis 2019 in breve Libropolis, il festival del giornalismo e dell’editoria più “irregolare” d’Italia, torna da venerdì 18 a domenica 20 ottobre 2019 con una terza edizione che promette di scaldare il dibattito nazionale attraverso i libri e gli importanti ospiti che si susseguiranno nel Chiostro di Sant’Agostino a Pietrasanta (Lucca). -

Gli ospiti Fra i protagonisti di dibattiti e presentazioni sui grandi temi dell’attualità ci saranno il cantautore Giovanni Lindo Ferretti, il paesologo Franco Arminio, il reporter Fausto Biloslavo, l’editore Sandro Teti, il corrispondente della Rai a Mosca Marc Innaro, il giornalista nonché Senior Advisor dell’Ispi Alberto Negri, il consigliere della Rai Giampaolo Rossi, e ancora gli intellettuali Massimo Fini, Franco Cardini, Stenio Solinas, Alain De Benoist, Marco Tarchi, Davide Brullo, i sociologi Carlo Formenti e Massimiliano Panarari, l’economista Thomas Fazi, gli analisti di politica internazionale Giuliano Noci, Fabio Massimo Parenti, Marco Forneris, Alberto Zanconato, e infine Antonio Pilati, Gabriele Marconi, Lorenzo Castellani, Mario Vattani, Donato Novellini, Giancarlo Padovan.

Più di venti le case editrici indipendenti che presenteranno le loro novità editoriali. Organizzato dall’associazione Libropolis, presieduta da Alessandro Mosti, in collaborazione con la rivista periodica online L’Intellettuale Dissidente e GOG Edizioni, con il patrocinio del Comune di Pietrasanta, e con il contributo di BCC Banca Versilia Lunigiana, il festival è a ingresso gratuito. Quartier generale è il meraviglioso Chiostro di Sant’Agostino, l’obiettivo è creare il più grande appuntamento di cultura politica in Italia.

Il sito: www.libropolis.org