Dissesto idrogeologico: aperto cantiere per frana storica via Capriglia, in via Monte Ripa si lavora senza sosta

Stampa, 27 nov 15:58 ·
Vai a:   articolo principale       

Dissesto idrogeologico, frane, sicurezza e prevenzione. L’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti lavora su due fronti per la messa in sicurezza dei versanti fragili e per curare le aree collinari che hanno dimostrato instabilità. Da una parte la programmazione di medio-lungo periodo con il calendarizzato secondo lotto (il primo è già stato realizzato nel 2017) di sistemazione della frana storica di Capriglia e dall’altro sulla somma urgenza dopo il preoccupante smottamento che ha interessato il sotto strada di via Monte di Ripa causato dalle incessanti piogge di queste settimane. A seguire i lavori sono tornati il Sindaco, Giovannetti insieme all’assessore ai lavori pubblici, Francesca Bresciani e al Capo di Gabinetto, Adamo Bernardi. “Stiamo lavorando da un lato seguendo la calendarizzazione degli interventi di messa in sicurezza – spiega il primo cittadino – per porre rimedio a quelle fragilità che già conosciamo presenti sul territorio, e dall’altro con interventi di somma urgenza come via Monte di Ripa. Rimandare l'intervento di messa in sicurezza e consolidamento di via Monte di Ripa avrebbe potuto significare un aggravamento del movimento franoso, l'isolamento totale dell'abitato, costi maggiori per la comunità, disagi enormi e tempi lunghissimi. Vogliamo limitare ogni imprevisto. Il maltempo ci rallenta, ma non ci ferma”.

La cura di frane e smottamenti è uno degli obiettivi di mandato dell’amministrazione Giovannetti che ha già investito molto, in questo primo anno, per mitigare il rischio idrogeologico, pulire fossi e canali e mettere in sicurezza i versanti che hanno evidenziato fragilità. Nel caso specifico di Capriglia il Comune di Pietrasanta era riuscito negli scorsi mesi ad ottenere un altro maxi finanziamento dalla Regione Toscana di 750 mila euro per dare continuità alle azioni di messa in sicurezza del versante iniziate nel 2017. Sono tre i lotti previsti dal progetto per curare il movimento franoso che ha una estensione di circa 60 metri di larghezza e 250 di lunghezza. La sola frana di Capriglia costerà, complessivamente una volta eseguiti i tre lotti previsti dal progetto, oltre 2milioni di euro. Il secondo lotto in corso costerà circa 750mila euro. Già pronto anche il progetto del terzo lotto: “Come promesso – spiega l’assessore Bresciani – siamo riusciti a far partire il cantiere di Capriglia prima della fine dell’anno. E’ un intervento atteso da almeno un decennio, delicato e fondamentale per mettere in sicurezza l’unica strada di collegamento tra centro e frazione che comporterà, come nel primo lotto, una necessaria modifica temporanea alla viabilità. Contiamo di concludere l’intervento entro la prossima primavera. I disagi per i residenti saranno contenuti e limitati alla sola area del cantiere”.