Urbanistica: accordo Coop-Conad, nuovi posti di lavoro ma anche tutela centro storico e piccole attività

Stampa, 16 dic 09:38 ·
Vai a:   articolo principale       

“Lo sviluppo non deve spaventare ma deve essere governato. E noi lo stiamo facendo. In questi mesi è stata fatta tanta disinformazione sull’accordo Coop-Conad. L’accordo iniziale è stato molto migliorato a vantaggio della città, del centro storico ed anche del sistema Versilia in termini di occupazione, della rete viaria nell’asse della via Aurelia con nuove rotatorie che andranno a rivolvere criticità storiche come quelle alla Madonnina o tra viale Apua-via della Consuma-via Primo Maggio, del decoro con la riqualificazione di intere aree e del potenziamento delle infrastrutture con la realizzazione della Cittadella dello Sport in via Unità d’Italia. Il centro storico è tutelato. Le attività commerciali che si insedieranno non saranno concorrenziali alle attività presenti nel cuore commerciale della nostra città”: a chiarirlo è stato il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti in occasione della presentazione alla città dell’avvio del procedimento secondo i termini di legge (art. 17 della L.R. 65/2014).

Le due varianti sono il naturale percorso all’accordo siglato dall’amministrazione Mallegni, e portato avanti dall’amministrazione Giovannetti, che prevede, in cambio della possibilità di aumentare le superfici di vendita dei due marchi, una serie di opere di rilevanza strategica per la comunità. “Ci tengo a precisare un altro aspetto: Pietrasanta è un’esperienza unica a livello nazionale che è riuscita a mettere insieme due realtà importanti del mondo commerciale, a farle dialogare con la città e con i suoi interessi. L’accordo – ha spiegato aprendo la presentazione il primo cittadino – è stato rivisto inserendo e togliendo punti ed aspetti che garantiscono un equilibrio pubblico-privato. Il distributore di carburante, inserito nel primo accordo, non si farà come avevo promesso anche in campagna elettorale. Le superfici sono state ridotte e non ci sarà consumo di suolo perché le due strutture si amplieranno in aree già urbanizzate”. La variante è stata illustrata dai tecnici delle sue società Coop e Conad. “Di fatto – ha detto ancora – esiste già un asse commerciale diffuso lungo la via Aurelia tra la Coop e la Conad: c’è la Mattonaia. Questi due accordi vanno a portare ordine, decoro, riqualificazione, una viabilità migliore e meno traffico attraverso l’adozione di rotatorie con benefici per esempio per l’accesso all’area del Terminal e del centro storico. Se avesse dovuto farle il comune, con le sue risorse, avrebbe dovuto spendere diversi milioni di euro. Lo faranno i privati per noi”.

In cambio Coop e Conad hanno chiesto un ampliamento della superficie commerciale che non significa dare la possibilità di creare “gallerie commerciali” sullo stile di altri centri commerciali. I due ampliamenti non necessiteranno di ulteriore consumo di suolo: Coop si amplierà (2.500 mq totali), secondo la convenzione nell’area dove oggi è presente lo scheletro ex Lorenzi mentre la struttura commerciale non alimentare (1.500 mq) sarà realizzata nell’attuale parcheggio, Conad invece si amplierà nell’area attualmente utilizzata a magazzino e realizzerà un nuova area che ospiterà laboratori e magazzini. “Rafforzare l’asse commerciale, lungo la via Aurelia, significa creare nuovi posti di lavoro già con l’avvio dei cantieri. Ma anche aprire la città a nuove opportunità e maggiori flussi. Lo sviluppo dell’arteria commerciale non danneggerà il centro storico”.