Gemellaggi: emergenza non fermerà amicizia, Pietrasanta al lavoro per “vacanze studio” in modalità smart working

Stampa, 14 mag 14:10 ·
Vai a:   articolo principale       

L’emergenza sanitaria non “fermerà” i gemellaggi. A causa dell’emergenza sanitaria molte delle attività previste dal Comitato Gemellaggi del Comune di Pietrasanta in agenda questa estate saranno annullate ma l’amministrazione Giovannetti sta lavorando ad una proposta, da condividere con le città gemellate di Grenzach Wyhlen, Ecaussinnes e Ville Parisis, per vacanze studio per i giovani in modalità smart working. “Il fitto calendario di eventi che si sarebbero dovuti tenere in questi mesi – spiega Francesca Bresciani, assessore ai gemellaggi – subirà inevitabili cambiamenti. Salterà quasi sicuramente la festa dei Lucchesi nel Mondo così come le altre iniziative dove erano necessari gli spostamenti delle delegazioni. Stiamo lavorando per poter garantire, anche se con una metodologia ben diversa, l’esperienza delle vacanze studio. Oggi la tecnologia ci permette di poter mettere i nostri ragazzi nelle condizioni di partecipare a sessioni di apprendimento della lingua con i coetanei delle città gemellate. E’ una opportunità a cui sta lavorando il nostro Presidente Daniela Zalcetti insieme agli altri Presidenti delle città gemellate”.

Pietrasanta, in questi anni, per volere dell’amministrazione Mallegni prima, Giovannetti oggi, ha rafforzato ed intensificato i rapporti e le relazioni con le storiche città gemellate in un’ottica principalmente di scambio tra giovani. Lo scorso febbraio Pietrasanta aveva rinnovato il patto di amicizia con la città tedesca di Grenzach e di Ecaussiness. “I gemellaggi – spiega il presidente del comitato Zalcetti – sono una straordinaria opportunità di crescita e condivisione per i nostri ragazzi. Non imparano e migliorano solo la lingua ma le capacità di relazione e di adattamento. Quest’anno non sarà possibile, per le ragioni che noi tutti conosciamo, spostarsi in un altro paese, almeno per il momento, dare seguito alle vacanze studio nonostante questo handicap possiamo immaginare una modalità diversa per poter mantenere relazioni e scambi stabili tra famiglie e studenti. In questi mesi di emergenza le relazioni non si sono mai interrotte. Stiamo stati sempre in contatto con i referenti delle città gemellate. In questa difficile situazione è emerso ancora, nuovamente, lo spirito di grande solidarietà ed amicizia che contraddistingue i nostri gemellaggi”.