Covid-19: operativo il centro tamponi antigenici rapidi a Tonfano, comune e medici insieme per migliorare tracciamento e ridurre tempi quarantena

Stampa 08.01.2021 14:07
Vai a:   articolo principale       

E’ operativo dal primo pomeriggio di venerdì 8 gennaio il centro tamponi antigenici rapidi di Tonfano coordinato dai medici di famiglia. Lo spazio a piano terra dei locali dell’ex Incanto che ospita il centro tamponi è stato messo a disposizione gratuitamente dei medici dal Comune di Pietrasanta. Nelle scorse settimane l’amministrazione Giovannetti aveva donato ai medici di base 300 saturimetri portatili per distribuirli ai cittadini più fragili e ritenuti più a rischio contagio.

“Finalmente il centro è operativo – ha commentato il primo cittadino, Alberto Stefano Giovannetti durante la visita – e sarà un presidio importantissimo nella battaglia contro il Covid che contribuirà ad un migliore tracciamento e a risposte più rapide. Chi è passato attraverso la lunga trafila delle quarantene sa benissimo quanto sia importante avere la possibilità di poter effettuare il test al decimo giorno senza attendere il quattordicesimo giorno dal contatto. Con questo presidio, gestito dai medici, che ringrazio nuovamente per la grande collaborazione, agevoliamo il ritorno in società di molti concittadini che senza sintomi devono comunque restare a casa per il periodo previsto dai protocolli”.

L’accesso al centro è disciplinato su appuntamento con la prenotazione che deve essere predisposta dal medico curante. Possono accedere i contatti stretti di caso Covid-19 tra il decimo ed il quattordicesimo giorno oltre ai casi asintomatici sospetti di aver avuto contatto con un caso Covid-19 positivo dopo dieci giorni dal contatto. L’ambulatorio è gestito dai medici Paola Pucci, Alberto Bacci, Maurizio Bertellotti, Andrea Caramelli, Giuseppe Fortini, Francesco Gattai, Simona Giannoni, Federica Mancini e Guido Lucchetti.

I locali dell’ex Incanto, che garantiscono un percorso di entrata ed uno di uscita oltre ad ampie metrature, sono stati affidati in comodato d’uso gratuito ai medici di base.