Pietrasanta Cinema d'Autore

Turismo 14.10.2022 09:20

Nasce “Pietrasanta, Cinema d'Autore”.

L'occasione è data dalla ricorrenza che si presenta nell'anno 2022: il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini. In omaggio ai due grandi protagonisti italiani della settima arte, nasce, dunque, la rassegna che si terrà nei giorni 25 e 26 ottobre, presso il cinema-teatro comunale “C. Galeotti”.

L'idea e la curatela sono di Alfredo Rossi, saggista e critico, autore di numerosi volumi sulla settima arte, a i quali "Splendore nell’erba" sul film omonimo di Elia Kazan e, in corso di pubblicazione, "La Via Lattea", dedicato alla pellicola di Luis Buñuel.

Pietrasanta ha una particolare predisposizione per ogni forma di creatività, dalle arti figurative alla musica e alla danza, dalla scrittura al cinema. Ecco perché è nata l'idea di promuovere una manifestazione che alternerà proiezioni e momenti di approfondimento, da mattino a sera, con la partecipazione di alcuni dei maggiori esperti e conoscitori dell'opera di Pasolini, tra i quali Roberto Grieco, Piero Spila e Roberto Chiesi, Jean Gili, con cui sono in corso i contatti.


PIETRASANTA CINEMA D’AUTORE 2022
Omaggio a Pier Paolo Pasolini

25/26 OTTOBRE 2022

MuSA Museo Virtuale della Scultura e dell’Architettura

Teatro Comunale Cesare Galeotti

PIETRASANTA

a cura di Alfredo Rossi

con la partecipazione di Roberto Chiesi, David Grieco, Chiara Tognolotti, Piero Spila

Evento organizzato dal Comune di Pietrasanta
con il riconoscimento della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura e del Centro Studi Archivio Pier Paolo Pasolini
con il patrocinio della Provincia di Lucca e della Regione Toscana
in collaborazione con Spazio Cinema Versilia e Fondazione Versiliana

In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922), tra gli autori fondamentali del cinema italiano, il Comune di Pietrasanta promuove, il 25 e 26 ottobre, due giornate di studio, a cura del saggista Alfredo Rossi, per approfondire la conoscenza del suo linguaggio cinematografico assolutamente innovativo, misto di lirica e provocazione. Sono previste proiezioni introdotte da esperti e critici che ne hanno esaminato stile, contenuti e versatilità culturale. Pasolini fu regista, poeta, romanziere, linguista, traduttore e saggista, pittore. Attento osservatore dei cambiamenti della società italiana dal secondo dopoguerra sino alla metà degli anni Settanta, suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti per la radicalità dei suoi giudizi e per le sue aspre denunce dei costumi e di una certa ipocrisia borghese.

Gli appuntamenti del mattino al MuSA saranno dedicati agli studenti, molti dei quali si avvicineranno per la prima volta all’opera di Pier Paolo Pasolini. Il pomeriggio e la sera saranno interamente dedicati alle proiezioni al teatro-cinema comunale “C. Galeotti”, accompagnate da brevi presentazioni. Insomma un’ottima occasione per scoprire o riscoprire la figura di questo intellettuale al centro di un forte dibattito tra estimatori, moltissimi, e denigratori.


Il programma del mattino

MuSa - Museo Virtuale della Scultura e dell’Architettura

Via Sant’agostino, 61

25 Ottobre ore 9.30

Incontro con il regista ed autore David Grieco con proiezione film "La Macchinazione", 2016.

Nel 1975 la pellicola del film Salò di Pier Paolo Pasolini viene misteriosamente trafugata. L’evento si preannuncia come un tassello della complicata vicenda che porta alla morte dello scrittore. Nel film Pasolini è interpretato da Massimo Ranieri, affiancato da Libero De Rienzo, Roberto Citran e Milena Vukotic nel ruolo della madre Susanna Colussi. Quanto successo dopo la morte del poeta, dalle accuse a Pelosi alle incongruenze mai risolte, è raccontato nell’omonimo libro scritto da David Grieco.

Incontro riservato alle scuole

26 Ottobre ore 9.30

Tavola rotonda sulla poliedricità culturale di Pier Paolo Pasolini, intellettuale del Novecento. Intervengono: Roberto Chiesi, responsabile del Centro-Studi Archivio Pier Paolo Pasolini delle Cineteca di Bologna, l’autore e critico Piero Spila, il regista David Grieco. Coordina il saggista Alfredo Rossi.

Incontro per le scuole, aperto a tutti gli interessati


Il programma del pomeriggio e della sera

Teatro-Cinema comunale “C. Galeotti”

Piazza del Duomo

25 Ottobre ore 18.00

Proiezione film "Uccellacci ed uccellini", 1966, 85 minuti

Il pretesto narrativo è dato dalle considerazioni filosofiche di un vecchio corvo che si rivolge a due uomini, padre (Totò) e figlio (Ninetto Davoli). Il corvo sembra convincere il suo limitato pubblico con la saggezza delle sue parole, ma appena si presenta il problema della fame, gli “irragionevoli” umani gli tirano il collo e se lo mangiano. Una favola filosofica.

25 Ottobre ore 21.15

Proiezione film "Accattone", 1961, 116 minuti

"Accattone” è un “ragazzo di vita”: ladro, teppista, talvolta ruffiano, ma un giorno si invaghisce della ragazza che intendeva derubare. Per lei si mette alla ricerca di un lavoro, la fatica lo stronca. Ritorna a rubare. La polizia gli è alle costole. Accattone fugge, ma muore durante l’inseguimento. Prima prova registica di Pier Paolo Pasolini, che a quell’epoca, non aveva ancora quarant’anni ed era già molto noto per i volumi di poesie, i racconti e le sceneggiature dei film di Fellini e Bolognini. È considerata una delle opere più rappresentative degli anni Sessanta.

Introduzione alle proiezioni a cura di Alfredo Rossi, Roberto Chiesi, Piero Spila e David Grieco.

26 Ottobre ore 18.00

Proiezione film "Edipo re", 1967, 104 minuti Edipo è stato allevato dal re di Corinto come un figlio, ma non sa di essere un trovatello. Quando viene a conoscenza di una terribile predizione secondo la quale egli ucciderà il proprio padre e sposerà la propria madre, fugge dalla città e arriva a Tebe. Può essere considerato una trasposizione cinematografica dell’autobiografia ideale dell’autore: l’antica tragedia greca è infatti un mezzo del quale egli si serve per parlare di sé e dei propri problemi.

26 Ottobre ore 21.15

Proiezione film "Il Fiore delle Mille e una notte", 1974, 130 minuti

Terza ed ultima parte della Trilogia della Vita di Pier Paolo Pasolini: il giovane Nur-er-Din compra un’affascinante schiava di nome Zumurrùd e fra i due nasce una relazione sentimentale, mentre la coppia composta da Harùn e Zeudi sperimenta le conseguenze dell’amore. Un racconto corale che inneggia alla vita e ai sentimenti. Il film, che vide anche la collaborazione di Alberto Moravia e Dacia Maraini, fu presentato al Festival di Cannes del 1974, dove ottenne il Gran Premio della Giuria.

Introduzione alle proiezioni a cura di Alfredo Rossi, Roberto Chiesi, Piero Spila e David Grieco.

Partecipa la prof.ssa Chiara Tognolotti, Dipartimento di Civiltà e forme del sapere – Università di Pisa

Proiezioni aperte a tutti. Ticket proiezioni presso il Teatro Comunale: 7,50 € intero - 5,50 € ridotto


Per info: Ufficio Turismo e Cultura: tel. 0584 795226 | 500 cultura@comune.pietrasanta.lu.it

Info biglietteria: Cinema – Teatro “C. Galeotti” tel. 0584 795511


Il programma è soggetto a modifiche e aggiornamenti.