Covid: prenotazione vaccini per nonni non digitali, decine di richieste e già 15 appuntamenti attraverso servizio gratuito Comune-Consulta Volontariato

Ufficio Stampa 26.03.2021 14:43
Vai a:   articolo principale       

Il telefono squilla ancora. Dall’altra parte della cornetta c’è Dario. Non ha un pc e nemmeno una connessione in casa. Usa a malapena il cellulare. Nessun parente o vicino che possa accompagnarlo nella prenotazione online dei vaccini. A rispondergli è uno dei volontari della Consulta del Volontariato di Pietrasanta.

Il Comune di Pietrasanta è stato tra i primi a pensare a questo servizio e a metterlo in pratica concretamente. “Buongiorno, si, è la Consulta del Volontariato. – risponde il volontario - Dovrei sapere in quale anno è nato per vedere se rientra tra le categorie prenotabili. Si: è del ’44. Possiamo procedere con la prenotazione. Ho bisogno che mi fornisca il suo nome e cognome, codice fiscale ed il suo numero di cellulare a cui le sarà inviato un codice per procedere alla prenotazione. Successivamente cercheremo insieme la sede più vicina per la vaccinazione. Quella possibilmente più comoda da raggiungere per lei…”.

Da due giorni, da quando il servizio gratuito promosso dal Comune di Pietrasanta e dalla Consulta del Volontariato è stato attivato, le telefonate è un continuo squillare. Gli over 70 già prenotati per il vaccino attraverso questo servizio voluto dall’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti per aiutare concretamente i nonni non digitali, sono già quindici. Ma le telefonate sono state molte di più. “Con questo servizio colmiamo un vuoto. Non è facile per un anziano districarsi sul portale delle prenotazioni per quanto possa essere fatto bene. Il gap digitale è ancora molto ampio. – spiega l’assessore all’associazionismo, Andrea Cosci – In poche ore dall’attivazione i volontari hanno risposto ad una cinquantina di telefonate. Molte sono telefonate per chiedere informazioni ma almeno la metà sono di anziani che da soli avrebbero avuto difficoltà a fare il percorso in autonomia”.

Almeno la metà degli anziani che hanno chiamato avrebbero diritto al vaccino ma non è sempre automatico il completamento del percorso di iscrizione. “La partenza non è certo stata promettente per il piano vaccinale. – spiega ancora Cosci – Il sistema di prenotazione è molto faticoso. Una domanda su due non arriva a buon fine. Ma sono problemi che la Regione Toscana conosce bene e spero che porrà rimedio quanto prima. Con questa iniziativa, per cui ringrazio il presidente Andrea Galeotti e tutti i volontari, diamo una mano agli anziani nelle pratiche di prenotazione e, in caso di bisogno, li accompagniamo anche nei punti di vaccinazione”.

Il numero da contattare per beneficiare del servizio è il 353.3023670 (attivo dalle 9.00 alle 12.00): è lo stesso numero a cui si sono rivolti in questo anno pandemico decine e decine di anziani e famiglie che a causa di quarantene, difficoltà motorie e limitazioni di spostamenti avevano bisogno di ricevere a casa generi alimentari e medicine.