Sociale: Pietrasanta aderisce al Blue Day (Giornata Mondiale Autismo), fiocchi blu sulle porte di case e sedi associazioni

Ufficio Stampa 30.03.2021 13:12
Vai a:   articolo principale       

Pietrasanta si mobilita per il Blue Day, la “Giornata Mondiale per la consapevolezza e la sensibilizzazione per l’autismo” che ci celebra il 2 aprile. L’iniziativa, promossa dagli assessorati all’associazionismo e al sociale su proposta della Consulta del Volontariato ed il sostegno del Comune di Pietrasanta, sarà caratterizzata da una serie di iniziative per sensibilizzare la comunità che culmineranno con l’illuminazione del Municipio di blu nella sera del 2 aprile.

È rivolto però alle famiglie l’invito a partecipare, anche se a distanza, alla Giornata Mondiale esponendo fuori da porte e balconi, un fiocco o un elemento che ne richiami il colore, il blu appunto. Lo stesso faranno le associazioni che aderiscono alla Consulta del Volontariato mentre il sindaco di Pietrasanta, Alberto Stefano Giovannetti e così la giunta municipale, indossereranno un fiocco blu durante la giornata. “L’autismo tocca da vicino una famiglia su cento. E’ un disturbo che conosciamo bene anche grazie e soprattutto al lavoro straordinario delle associazioni del nostro territorio che spesso affianchiamo nelle iniziative che organizzano durante l’anno. – spiegano gli assessori di riferimento, Elisa Bartoli per il sociale e Andrea Cosci per l’associazionismo – La pandemia sta mettendo a dura prova soprattutto i ragazzi che sono disorientati dai cambiamenti di abitudini e dalla mancanza di socialità. Con questa iniziativa manifestiamo la nostra vicinanza, ma anche la nostra totale disponibilità, alle associazioni che operano in questo delicato ambito e alle famiglie. Ringraziamo l’associazione per averci coinvolto e per averci voluto rendere partecipi attivamente”. La giornata mondiale dell’autismo è stata istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (risoluzione 62/139) con l’obiettivo di fare luce sull’autismo, volta a incoraggiare tutti gli Stati a intraprendere misure in grado di aumentare la consapevolezza sociale dell’autismo e favorire la diagnosi e l’intervento precoce. “Rivolgiamo l’invito alle famiglie, a tutti i genitori, e naturalmente alle associazioni della nostra consulta che sono già state mobilitate affinché manifestino la loro adesione esponendo un simbolo di colore blu all’esterno di case, balconi e sedi. – spiega Monia Battistini del direttivo della Consulta del Volontariato – E’ stato un anno molto duro che ha stravolto la normalità dei nostri ragazzi e delle famiglie. Non hanno potuto, se non in rare occasioni, incontrarsi, socializzare, stare insieme e fare tutte quelle attività previste dal loro percorso di riabilitazione. Non esiste una cura, ma è ormai provato che diagnosi e interventi riabilitativi e terapeutici precoci possono rendere il bambino e poi l’adulto autistico più autonomo. Le famiglie che convivono con situazioni di disabilità o disturbi come lo è l’autismo meglio di altre conoscono le difficoltà di questo lungo anno pandemico. A loro va il nostro sostegno e la nostra vicinanza. Ringrazio, a nome dell’associazione e della Consulta, l’amministrazione per la sensibilità che ogni volta dimostra e tutte le associazioni e le famiglie che aderiranno. Coloriamo Pietrasanta di blu”.