Piazza Statuto: il sindaco Giovannetti sulla protesta, manifestanti hanno rotto unilateralmente accordo

Ufficio Stampa 28.04.2021 07:31
Vai a:   articolo principale       

“Con la nuova protesta in Piazza Statuto i manifestanti hanno rotto l’accordo che una delegazione da loro scelta aveva raggiunto non più tardi di sabato con l’amministrazione. L’amministrazione, ci tengo a precisarlo, è legittimata a portare avanti il progetto di riqualificazione del lato sud-est, ci siamo però seduti ad un tavolo, abbiamo ascoltato le loro richieste ed abbiamo trovato un punto di incontro come accade quando si dialoga e ci si confronta ricalibrando anche la visione d’insieme che avevamo di quello spazio. L’accordo, che è stato raggiunto in un clima costruttivo e pacifico nell’interesse della città, era molto chiaro. Riavvio dei lavori e conservazione di dieci piante. Gli ultimi eventi parlano da soli così con il comportamento della cittadina, per altro proveniente da un altro comune così come molti manifestanti, che sale su un albero per fermare i lavori. Quanto accaduto avrà inevitabilmente risvolti sullo slittamento dei lavori che si tradurranno in più costi e tempi di realizzo più lunghi oltre a disagi per tutti. La nostra è un’amministrazione seria che fino ad oggi ha fatto quello che ha promesso ai cittadini e lo farà anche in questa occasione. Ciascuno, a questo punto, si assumerà le responsabilità delle sue azioni”: così il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti in merito alla protesta di un gruppo di manifestanti in seguito alla riapertura del cantiere di Piazza Statuto.

Il sindaco condanna anche l’episodio di spargimento di segatura in Municipio. “E’ un atto grave, fatto di nascosto, da chi non ha dimostrato alcun rispetto per la casa di quegli stessi cittadini che vorrebbe difendere”.