Nuove risorse per ambiente e servizi

Ufficio Stampa 04.05.2022 15:44
Vai a:   articolo principale       

Trecentocinquanta mila euro per la bonifica ambientale dell'area mineraria a Rezzaio e Regnalla, 550 mila per attrezzare l'ex ospedale Lucchesi ad accogliere gli uffici comunali, 300 mila per concludere i lavori al cimitero di Vallecchia e 200 mila per il nuovo ristorante nel parco della Versiliana: sono alcuni dei capitoli di spesa “aggiornati” per il 2022 dall'amministrazione comunale di Pietrasanta, dopo l'ultima variazione al Documento Unico Pluriennale e al bilancio di previsione 2022-2024 approvata in consiglio che ha destinato altri 4 milioni e 600 mila euro al settore lavori pubblici.

“Lavoriamo su ambiente e servizi, al cittadino e al turista – ha commentato il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – grazie alle nuove risorse 'liberate' dal rendiconto 2021. Una gestione prudente e accurata di cui, ora, raccogliamo i frutti riversandoli subito sul territorio, per accelerarne ancora di più lo sviluppo”. Dopo la presentazione del progetto nel 2019 e il successivo stop, anche a causa dell'emergenza sanitaria, ora il Comune vuole “dare gambe” al potenziamento dei servizi nel parco che fu tanto caro a Gabriele D'Annunzio: “Crediamo fortemente nella Fondazione Versiliana – ha rimarcato Matteo Marcucci, assessore ai lavori pubblici – che, per esprimere tutte le sue potenzialità, ha bisogno di arricchire l'offerta ai visitatori ma senza perdere l'identità dei suoi luoghi”.

E infatti il progetto di archeologia industriale pensato per la Fabbrica dei Pinoli punta alla riscoperta degli antichi ambienti di lavorazione, valorizzando tutti i macchinari oggi conservati nell'edificio che andranno a impreziosire la futura sala ristorante, al piano terra: “Metteremo a norma tutti i servizi, per clienti e personale, oltre alla cucina, preservando l'anima e il fascino di una struttura che ha più di settant'anni – ha confermato Alfredo Benedetti, presidente della Fondazione Versiliana – con un raggio di attività che vada oltre la stagione estiva, garantendo l'accoglienza negli spazi chiusi per 35-40 persone”.

Per l'inizio lavori si guarda all'autunno, con l'intenzione di inaugurare il nuovo ristorante in occasione delle festività pasquali del 2023.