Il 19 giugno "apre" la nuova piazza Statuto

Ufficio Stampa 12.05.2022 16:48
Vai a:   articolo principale       

Sabato 18 giugno è la data fissata per il fine lavori in piazza Statuto. E, la mattina di domenica 19, l'inaugurazione della scultura-fontana del Maestro Girolamo Ciulla e dello spazio rinnovato.

Queste le indicazioni più importanti emerse dalla riunione tecnica di giovedì mattina fra l'ufficio lavori pubblici, l'assessore Matteo Marcucci e gli addetti delle imprese che stanno lavorando alla riqualificazione della piazza. Dove, nonostante il cantiere aperto, si è continuato a svolgere regolarmente il mercato settimanale e sono rimasti disponibili quasi tutti gli stalli per il parcheggio delle auto: “Chiudere una porzione maggiore della piazza avrebbe senz'altro velocizzato le operazioni – spiega Marcucci – permettendo alle ditte di utilizzare di più i mezzi meccanici. Ma il disagio sarebbe stato troppo grande e per troppe persone, quindi abbiamo fatto una scelta diversa”.

Le lavorazioni, infatti, sono state manuali o con ausilio meccanico ridotto al minimo: “Così sono state estratte una a una le piastre storiche del camminamento, pulite e riposizionate – prosegue Marcucci – cercando la massima complanarità, per facilitare il passaggio anche a carrozzine, passeggini e a chi ha difficoltà di deambulazione”. Operazione, quest'ultima, tuttora in corso sul lato della piazza rivolto a mare.

Nelle prossime settimane sarà ultimata la stesura dell'asfalto natura, osservando la fascia di tutela necessaria intorno alle alberature; verranno posizionate le sei panchine in travertino progettate dal maestro Ciulla, nello spazio più vicino alla fontana monumentale e, dopo pulizia e riverniciatura, riposizionati anche i pali della pubblica illuminazione.

Già concluse, invece, la pulizia dagli infestanti delle mura storiche, alle spalle della scultura-fontana e le operazioni sulla cassetta per i contatori dell'energia elettrica e degli altri servizi, elemento ricollocato in corso d'opera dalla Sovrintendenza vicino ai bagni pubblici, come inizialmente previsto dal progetto dell'amministrazione comunale.