Sul pennone di Tonfano torna la bandiera blu

Ufficio Stampa 13.06.2022 15:53
Vai a:   articolo principale       

Sulle note dell'inno di Mameli, Pietrasanta riabbraccia la bandiera blu che, dopo un anno di “assenza”, torna a sventolare sul pennone di piazza Amadei a Tonfano.

A salutare il prestigioso vessillo conferito dalla Fee (Foundation for Environmental Education), che certifica non solo la validità delle acque di balneazione ma soprattutto la qualità dell'accoglienza turistica, il sindaco Alberto Stefano Giovannetti e i componenti della giunta comunali, il comandante della Capitaneria di porto di Viareggio Alessandro Russo e quello della polizia municipale di Pietrasanta Giovanni Fiori, oltre ai rappresentanti delle categorie economiche della Marina e al presidente Azienda Speciale Farmaceutica del Comune, Gian Luca Duranti.

“Sulla Marina abbiamo 107 stabilimenti balneari – ha ricordato il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti che detiene anche la delega al turismo – che offrono servizi moderni e di alto livello. Grazie a loro, agli albergatori, ai commercianti e a quelle strutture e sensibilità che il territorio offre, la nostra costa è da tempo e stabilmente fra le località turistiche più ambite in Italia. La bandiera blu è un simbolo di qualità e il giusto riconoscimento a tutto il nostro sistema-mare: non a caso abbiamo deciso di celebrarla oggi, nel giorno della festa di Sant'Antonio da Padova”.

“La cultura dell'ospitalità – ha proseguito l'assessore all'ambiente, Tatiana Gliori – il rispetto dell'ambiente, attraverso una raccolta differenziata sempre più calibrata sulle necessità di chi vive il territorio e una rete di piste ciclabili che unisce la costa all'entroterra, l'attenzione all'accessibilità di spiagge e strutture ricettive, sono tutti elementi che fanno della nostra filiera turistica un'eccellenza. Oggi, nuovamente 'certificata' dalla bandiera blu, alla quale dico, con orgoglio e un po' di emozione: bentornata a Pietrasanta”.

Dopo il rito dell'alzabandiera, la benedizione solenne da parte di Don Alex rivolta a tutti gli operatori turistici “che, grazie al loro lavoro, riescono a far sentire ogni ospite di Marina come fosse a casa propria”.